• Home »
  • Attualità »
  • NUOVE CORSE PER RAGGIUNGERE PUNTA RAISI. PRESIDENTE D’ALI’: “PRIMO PASSO MA PUNTIAMO AD UN MERCATO APERTO”

NUOVE CORSE PER RAGGIUNGERE PUNTA RAISI. PRESIDENTE D’ALI’: “PRIMO PASSO MA PUNTIAMO AD UN MERCATO APERTO”

Più corse per raggiungere l’aeroporto di Palermo. Più corse dalle città trapanesi. E’ un primo passo ma è già un punto fermo. L’iniziativa del Distretto Turistico Sicilia Occidentale ha raggiunto un risultato significativo. “Le corse – si legge in una nota del Distretto – saranno effettuate dalle compagnie di trasporto su gomma Segesta Autolinee, Autoservizi Salemi ed Autoservizi Russo. Già lunedì, ad esempio, la città di Trapani ne avrà quattro in più, gestite proprio dalla Segesta. Peraltro sono state raddoppiate quelle da e per Marsala e Mazara del Vallo. Aumenteranno anche le corse da e per Castellammare del Golfo e San Vito lo Capo”. Soddisfatta la presidente del Distretto ed assessore del Comune di Trapani Rosalia D’Alì: “le nostre proposte di potenziamento dei trasporti su gomma sono state prese in considerazione ed anche con una certa celerità. Desidero ringraziare, in primis, le tre compagnie di trasporto per la disponibilità che hanno dimostrato nell’accogliere le nostre richieste. Il Distretto, infatti, ha lavorato con attenzione a questa soluzione, partecipando anche ad alcune riunioni presso il Dipartimento regionale dei Trasporti che ha mostrato altrettanta disponibilità, alla presenza, tra l’altro, del sindaco di San Vito lo Capo, Giuseppe Peraino, e di alcuni operatori turistici del territorio”. Alle prese con la crisi dello scalo di Birgi, il potenziamento dei collegamenti con il “Falcone e Borsellino” è una delle poche risposte efficaci che si possono mettere in campo per ridurre gli effetti negativi di un aeroporto che sconta chiari elementi di debolezza. La stagione estiva è fortemente compromessa. I collegamenti in questione possono soltanto ridurne la portata. Lo conferma anche la presidente D’Alì: “Naturalmente, siamo consapevoli che la stagione estiva è ormai parzialmente compromessa, ma questa soluzione ci consentirà di intercettare parte del flusso turistico che atterrerà a Palermo. Continueremo comunque a lavorare affinché il sistema dei collegamenti locali, che si caratterizza sia per la scarsa frequenza che per l’eccessiva onerosità, diventi sempre più capillare, consentendo ai turisti, ma anche agli abitanti della nostra provincia, di raggiungere agevolmente gli scali aeroportuali”. L’assessore indica anche l’obiettivo finale: “Sarà quello di rompere la rigidità dell’attuale normativa regionale dei trasporti su gomma che non consente agli operatori privati di proporsi sul mercato, incrementando l’offerta di servizi di trasporto, sia sotto il profilo quantitativo che sotto quello qualitativo. Sarà ciò su cui ci concentreremo e che chiederemo con forza al Governo regionale”.

Commenti

commenti