MALTESE: “TRANCHIDA FA PROPAGANDA SUL TRAPANI CALCIO”

Opposizione in punta di diritto. Diventerà Bellissima si fa sentire con il suo coordinatore cittadino Vincenzo Maltese che mette in discussione la decisione delle giunta Tranchida di chiamare in causa l’ufficio legale del Comune per tutelare la città rispetto alle vicende del Trapani Calcio, con una eventuale azione legale. Per DB si tratta soltanto di propaganda perché non ci sono le condizioni per intervenire. “Mi piacerebbe saperlo, o confrontarmi con i legali del Comune di Trapani – ha sottolineato Maltese – ai quali, si legge nell’ultima nota stampa del sindaco di Trapani, la giunta convocata oggi dovrebbe conferire mandato ad agire nei confronti della società Trapani Calcio per chiedere il danno d’immagine.Al di là della dichiarazione di stampo  puramente propagandistico, non conosco alcun tipo di azione legale che un ente pubblico, come il Comune di Trapani, potrebbe azionare in questa fase”. Maltese entra nel merito: “Il risarcimento del danno in sede civile,   ricordo a me stesso, può essere contrattuale o extracontrattuale, ma presuppone un fatto illecito. Mentre il danno d’immagine, in linea generale, per come invocato nel caso di specie dal sindaco di Trapani, si estrinseca più che altro nell’ambito di un procedimento penale. È quindi evidente come al momento, al netto di ipotesi di reato o di fatti illeciti, il Comune di Trapani non possa demandare alla società Trapani Calcio alcun danno risarcibile. Si auspica piuttosto, per il bene della città, e qui le preoccupazioni e il lavoro interlocutorio del sindaco ci possono stare, una veloce soluzione societaria che possa consentire l’iscrizione in serie B”.  

Commenti

commenti