MCL, NASCE LA CONSULTA DEI GIOVANI. AUGUGLIARO: “PUNTIAMO ALLA CITTADINANZA ATTIVA”

Facebook

12 Febbraio 2020

Il Movimento Cristiano Lavoratori lancia la sua fase green e mette in campo la Consulta Giovanile. Per il presidente provinciale di MCL Ubaldo Augugliaro si tratta di uno strumento operativo per avviare “all’apprendimento degli elementi essenziali per svolgere una funzione di cittadinanza attiva, intesa come partecipazione dei giovani alla vita delle amministrazioni locali, mediante osservazioni e proposte d’iniziative, volte a migliorare le condizioni del tessuto economico e sociale dei territori comunali della provincia di Trapani”. La Consulta Giovanile ha il sigillo del consiglio provinciale del Movimento che si è riunito a Mazara del Vallo, alla presenza del Vescovo Domenico Mogavero. Presente all’incontro anche il vicepresidente regionale di MCL Giorgio D’Antoni. I lavori si sono conclusi con la nomina dei componenti della Consulta Giovanile. Si tratta di Ylenia Accursio di Alcamo, Simone Caltagirone e Davide Cascio di Marsala, Caterina D’Antoni di Castelvetrano, Angelo Daidone di Trapani, Dario De Maria di Marsala, Anna Diodato e Valeria Gandolfo di Castelvetrano, Giorgia La Grutta di Marsala, Giorgina Manzotti di Castelvetrano, Giacoma Gloria Marino, Giorgio Marta, Aldo Mauro e Daniele Raccomandato tutti di vari Circoli di Marsala. “La Consulta – si legge in una nota del Movimento Cristiano Lavoratori – si riunirà presto per eleggere il delegato, il vice e il segretario, in modo da far seguire all’insediamento degli organi rappresentativi e di coordinamento anche le attività sociali”. Conferma per Nadia Passalacqua come tutor. Collabora da tempo per dare vita ad un programma di promozione della cultura d’impresa e della cittadinanza attiva. La nota di MCL continua sottolineando l’impegno del Movimento per la partecipazione dei giovani: “Due appuntamenti fissi annuali: Winter School e Summer School. Due appuntamenti che si propongono di incoraggiare i giovani alla partecipazione attiva alla vita socio politica del Paese ed a maturare la consapevolezza del significato di essere cittadini europei. A conclusione di questi due appuntamenti annuali di formazione solitamente, curati dall’Università Cattolica di Milano e dalla Università Federico II di Napoli, gran parte dei giovani partecipanti ha la possibilità di visitare il Parlamento e la Commissione Europea, in modo da conoscere le strutture e le istituzioni dell’Unione Europea di Strasburgo e Bruxelles”.

Notizie Correlate