ASCOLI-TRAPANI 3-1, GRANATA DA RIVEDERE

Ascoli-Trapani 3-1

Ascoli: Lanni, Valentini, D’Elia, Pucino, Cavion, Petrucci, Scamacca (Da Cruz 56′), Ninkovic, Ferigra, Gerbo (Brlek 85′), Ardemagni. A disposizione: Fulignati, Troiano, Rosseti, Piccinocchi, Quaranta, Chajia, Di Francesco, Brosco, Laverone, Andreoni. All. Zanetti

Reti: Scamacca (A) 17′, Ferretti (T) 64′, Luperini (T) (aut.) 83′, Da Cruz (A) 90′

Trapani: Dini, Luperini, Scognamillo, Fornasier (Da Silva 79′), Cauz, Aloi, Taugourdeau, Colpani (Scaglia 63′), Nzola, Evacuo (Ferretti 45′), Jakimovski. A disposizione: Carnesecchi, Stancampiano, Martina, Tolomello, Golfo, Molinari, Cataldi. All. Baldini

Arbitro: Alessandro Prontera di Bologna; assistenti: Mattia Scarpa di Reggio Emilia e Domenico Palermo di Bari; IV ufficiale: Ivan Robilotta di Sala Consilina

Note: Ammoniti Fornasier, Jakimovski, Scognamillo, Taugourdeau. Espulsi: Scognamillo e Da Cruz
Calci d’angolo: 3-4
Spettatori: 6.659 di cui 17 ospiti
Recuperi: 5′ pt; 4′ st.

Comincia male il campionato per il Trapani che torna senza punti dalla trasferta di Ascoli. I granata hanno perso in Coppa Italia e stasera anche nella loro prima dopo la promozione in Cadetteria. Finisce 3-1 per i marchigiani. Risultato pesante rispetto a quello che si è visto in campo ma è pur vero che i granata hanno bisogno di qualcosa in più in attacco. La squadra di Baldini gioca, anche con geometrie interessanti ma poi nella trequarti avversaria si smarrisce o sbaglia troppo quando c’è da fare l’ultimo passaggio per finalizzare il gioco. Pur con limiti che il mercato dovrà in qualche modo colmare, il Trapani era riuscito a riequilibrare la gara. E’ andato sotto al 16′ con il solito Scammacca che ha fatto partire un tiro forte dal limite dell’area che si è insaccato sotto la traversa. Scamacca ha avuto troppo spazio a disposizione ed il suo tiro insidioso non era però irresistibile. Ma nel calcio ha ragione chi segna e Scamacca ha avuto ragione lui: aveva già “castigato” i granata con le due reti di Coppa Italia. Il Trapani non si scompone più di tanto e continua a fare la sua partita. Granata pericolosi con un cross di Jakimoski al 26′ che Evacuo non riesce a correggere in rete in piena area di rigore e con Colpani che al 35′ si trova la palla sul sinistro, ancora in area, ma Lanni è attento ed in mischia riesce a deviare la palla. Al 38′ Ardemagni si divora il raddoppio presentandosi a tu per tu con Dini. Il suo pallonetto è troppo debole e consente al portiere granata di allontanare la palla. Al 39′ ancora Trapani con un colpo di testa di Luparini che finisce fuori alto di poco. Al 44′ si fa male Evacuo in uno scontro in area con il portiere Lanni ed è costretto ad uscire. Mister Baldini lancia nella mischia Ferretti. Finisce il primo tempo. Il secondo comincia con una grande occasione per il Trapani. La difesa dell’Ascoli pasticcia, Lanni svirgola il suo disimpegno e la palla finisce sul destro di Ferretti che prova a sorprendere il portiere ma Lanni riesce a deviare la palla in angolo. Al 51′ ci prova Ardemagni ma il suo tiro viene deviato in angolo. Al 55′ esce Scamacca ed entra Da Cruz. Sostituzione quanto mai azzeccata. Ma il Trapani a farsi ancora sotto con Aloi che ruba palla sulla trequarti s’invola verso l’area di rigore ed appena entrato prova a soprendere Lanni con il sinistro ma non inquadra la porta e manda fuori. Mister Baldini manda in campo il neo acquisto Scaglia al posto di Colpani. E’ il 63′. Un minuto dopo arriva il pareggio del Trapani. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la difesa dell’Ascoli libera, la palla finisce a Jakimovski che vede scattare sulla destra Ferretti, cross pennellato in area e piattone di destro dell’esterno granata. Pareggio meritato e panchina granata che scoppia di gioia. L’Ascoli cambia ancora con Chaja al posto di Ninkovic. Il Trapani deve sostituire il neo acquisto Fornasier per crampi. Entra Da Silva. Nel frattempo al “Del Duca” diluvia. All’83’ i granata prendono il secondo gol. Da Cruz s’inventa la giocata sulla fascia destra, salta due granata come birilli e mette la palla nell’area piccola, arriva Luparini per anticipare Ardemagni ma indirizza la palla nella rete granata. Autogol che spezza la resistenza granata e facilita il lavoro dell’Ascoli. Al 84′ i padroni di casa fanno rifiatare Gerbo che viene sostituito da Brlek. All’87’ il Trapani riesce a trovare il pareggio. Punizione di Taugordeau e colpa di testa di Luperini, ma il centrocampista granata era in fuorigioco ed il suo gol viene annullato. All’89’ si chiude la gara con il gol di Da Cruz che raccoglie un disimpegno della sua difesa e punta dritto verso la porta. Scognamillo non riesce a fermarlo, avrebbe potuto soltanto fare fallo da ultimo uomo con una esplusione più che scontata. Ma ironia della sorte il difensore granata si becca il rosso diretto al 92′ dopo avere calciato la palla su un avversario ed avere però ricevuto uno spintone da Da Cruz. L’arbitro vede tutto e va giù duro: due espulsioni. Nei 4′ minuti di recupero del secondo tempo non accade nulla di significativo. L’Ascoli vince ancora. Il Trapani perde la doppia sfida Coppa-campionato. Per i granata c’è soltanto da archiviare la sconfitta in fretta perché sabato al Provinciale arriva il Venezia.

Commenti

commenti