• Home »
  • Economia »
  • TRAPANI, L’EDILIZIA STA MORENDO. LA FILLEA CGIL LANCIA L’ALLARME ROSSO

TRAPANI, L’EDILIZIA STA MORENDO. LA FILLEA CGIL LANCIA L’ALLARME ROSSO

L’edilizia sta morendo. La Cgil trapanese lancia quello che potrebbe essere l’ultimo allarme. Le imprese non riescono a stare sul mercato e sono costrette a chiudere. Da qui il licenziamento dei lavori, le ripercussioni sull’indotto e sull’economia del territorio. Il prossimo 15 marzo ci sarà, a Roma, lo sciopero nazionale dei lavoratori delle costruzioni. La FILLEA Cgil trapanese porterà i dati della cassa edile. Numeri impietosi che rimandano ad aziende che chiudono, a lavoratori senza occupazione, alla massa salariale che diminuisce ed agli infortuni che invece aumentano. “Se al 31 dicembre del 2017 nel territorio trapanese le imprese attive erano 1.406 a un anno esatto di distanza – si legge in nota della FILLEA – sono scese a 1.246, subendo una contrazione pari all’11, 48 per cento. In calo anche l’occupazione: nel 2017 i lavoratori delle costruzioni erano 4.738 a fronte dei 4.337 del 2018, con una riduzione occupazionale dell’8,46 per cento. Ed ancora: “Massa salariale in calo del 5,41 per cento: nel 2017 ammontava a 28.216.337,00 mentre nel 2018 a 26.689.594,00”. Il segretario provinciale della FILLEA Cgil di Trapani Enzo Palmeri traccia un quadro desolante ed allarmante: “Il settore è in caduta libera. Chiediamo maggiori controlli nei cantieri per contrastare il lavoro nero e irregolare e per prevenire gli infortuni sul lavoro che hanno assunto dimensioni preoccupanti considerato anche che una parte di essi non viene denunciata proprio perché a essere coinvolti sono lavoratori irregolari”. Il sindacato non si limita alla denuncia ed indica la strada da seguire: “Gli enti pubblici appaltanti devono avviare le opere già cantierabili”. “Da oltre cinque mesi – sottolinea Palmeri – attendiamo che la Prefettura convochi un incontro con gli Enti appaltanti, ovvero con i Comuni, con l’Asp, l’Anas, l’Rfi e lo Iacp, per fare il punto sul mancato avvio dei cantieri già finanziati con i fondi del Patto per la Sicilia che, in provincia di Trapani, ammontano a 500 milioni di euro. Il settore delle costruzioni non può più attendere ed è necessario conoscere i tempi di avvio dei lavori delle opere pubbliche. Oggi più che mai occorre un piano straordinario per la manutenzione delle strade e dei viadotti. Al Governo diciamo che difendere e rilanciare il lavoro e il settore delle costruzioni vuol dire rilanciare l’intera economia del Paese”. In preparazione dello sciopero nazionale del settore costruzioni la FILLEA Cgil di Trapani ha convocato i suoi iscritti per venerdì prossimo.

Commenti

commenti