TRAPANI-PRO VERCELLI 1-1. CORONADO SUPER, COLOMBATTO GRANDE NOVITA’

Primo tempo con il Trapani che non riesce ad ingranare la marcia e la Pro Vercelli che si fa sentire a centrocampo, conquistandolo partendo dalla fascia sinistra. Secondo tempo con il Trapani arrembante come avrebbe voluto mister Cosmi dal primo minuto e Pro Vercelli sulle gambe che conclude la gara con una difesa a 5. Alla fine è 1-1, ma i granata avrebbero meritato qualcosa in più per il gioco espresso nella ripresa. Nel secondo tempo sale in cattedra Citro che ha preso il posto di Ferretti ma spreca tre palle gol che avrebbero, con tutta probabilità, consegnato 3 punti alla sua squadra. Al 29′ il Trapani s’invola sulla fascia sinistra, combinazione Nizzetto-Rizzato, palla in area per Citro che di sinistro manda alto sulla traversa. Al 33′ Colombatto vede in area Citro lo serve con un passaggio di velluto, l’attaccante granata aggancia al volo ed indirizza il pallone verso la porta di Provedel che si supera e respinge un gol quasi fatto. Al 47′, in pieno recupero, Citro ci prova con la deviazione di tacco. Se fosse riusciuto a metterla dentro sarebbe “caduto” il Provinciale. Il Trapani, come a Novara, ha fatto più che bene in un tempo. A Novara nel primo, in casa con la Pro Vercelli, il secondo. Può già contare Coronado. Il fantasista brasiliano è in forma smagliante. Ha segnato il gol del pareggio nel secondo tempo ed ha ispirato tutte le azioni più pericolose dei granata. Ma mister Cosmi può essere soddisfatto anche dell’esordio di Santiago Colombatto, che al 18′ del secondo tempo ha preso il posto di Barillà. Il classe ’97 del Trapani è entrato in campo con le idee chiare e con grande personalità. Ha preso in mano le chiavi del centrocampo ed ha permesso a Coronado di essere più offensivo. Il Trapani è sceso in campo con il suo 3-5-2, mentre la Pro Vercelli, al di là delle dichiarazioni pre partita del suo mister Moreno Longo, “andremo a Trapani per vincere”, scende in campo con un classico 4-4-2, che dà un gran fastidio ai granata. Il Trapani dovrebbe avere un uomo in più a centrocampo ma la Pro Vercelli a fare gioco e sopratutto densità a centrocampo. Cosmi prova una cabina di regia a tre, con l’incombenza di produrre gioco affidata, a turno, a Coronado, Barillà e Nizzetto, ma la squadra riesce a passare soltanto sulla fascia sinistra quando si attiva Rizzato, a destra con Fazio c’è qualche problema in più ad entrare nella trequarti degli avversari. La Pro Vercelli allarga il gioco sulle fasce e si affida alle giocate di Mustacchio. Il gol degli ospiti arriva al 9′ del primo tempo con un colpo di testa di Vajushi, che i granata lasciano indisturbato in area di rigore. La sua girata di testa è imparabile e la Pro Vercelli è in vantaggio. Nel primo tempo è Ferretti che prova di testa due volte e con una rovesciata da “Fuga per la Vittoria”, ma l’attaccante granata non riesce ad impensierire Provedel. Il Trapani fatica a manovrare e prova dalla distanza, al 44′ con Coronado che cerca l’incrocio dei pali ed al 45′ con Nizzetto. Ma nessuno dei due inquadra la porta. L’arbitro Lorenzo Illuzzi di Molfetta concede un solo minuto di recupero ed indispettisce il pubblico che se l’è presa con Provedel per i suoi rilanci a passo lento. Nel secondo tempo la Pro Vercelli prova a sorprendere il Trapani Vajushi per chiudere la partita ma non ci riescee e deve subire la reazione dei granata. Il Trapani vuole il pareggio e spinge con determinazione. Al 4′ un cross di Fazio viene deviato affannosamente da Provedel in tuffo, al 5′ su angolo di Coronado, De Cenco prova ad anticipare tutti ma non riesce a girare la palla in rete. Un minuto dopo è ancora De Cenco a cercare la rete di testa su un cross di Rizzato. E’ il preludio del gol che arriva all’8 con un tocco delizioso al volo di Coronado su una respinta di pugni di Provedel, intervenuto sugli sviluppi di un calcio d’angolo per i granata. C’è il tempo per vincere la partita ed il Trapani ci prova con tutte le sue forze. La Pro Vercelli arretra il suo baricentro per non prenderle e e perché comincia a sentire la stanchezza di un primo tempo giocato a ritmi altissimi. Al 21′ Mammarella prova a sorprendere, su punizione , Guerrieri un po’ fuori dai pali ma la palla va fuori. Al 26′ De Cenco la palla del 2-1. Viene servito in area da Coronado, punta verso la porta, salta l’avversario che gli va incontro e piazza la palla con il destro, ma Provedel è ancora attento e pronto a liberare la sua porta. Al 28′ deve intervenire su un tiro di Coronado da posizione impossibile sulla fascia destra e riesce nuovamente a sventare il pericolo. Al 41′ una combinazione nello stretto tra Colombatto e Coronado avrebbe meritato miglior fortuna ma il destro di Coronado, di piatto, è troppo aperto la palla si perde il fondo. L’arbitro concede 5′ di recupero ma Trapani-Pro Vercelli finisce 1-1.

Il tabellino

TRAPANI: Guerrieri, Casasola, Pagliarulo, Legittimo, Fazio, Nizzetto, Coronado, Barillà (18’st Colombatto), Rizzato (34’st Visconti), Ferretti (20’st Citro), De Cenco. A disposizione: Farelli, Daì, Figliomeni, Balasa, Raffaello, Canotto. All. Serse Cosmi

PROVERCELLI: Provedel, Germano, Bani, Legati, Mammarella, Palazzi, Budel (20’st Castiglia), Altobelli, Mustacchio, Morra (37’st Luperto), Vajushi (30’st Ebagua). A disposizione: Zaccagno, Berra, La Mantia, Sprocati, Mussmann, Emmanuello. All. Moreno Longo

Arbitro: Lorenzo Illuzzi di Molfetta; assistenti: Vincenzo Soricaro di Barletta e Valerio Colarossi di Roma 2; QUARTO UOMO: Francesco Fourneau di Roma 1

RETI: Vajushi 10’, Coronado 8’st

NOTE: Ammonito Legati nella Pro Vercelli; Recuperi: 1’pt-6’st; Corner: 8-1; Spettatori: 5.565

Le scelte di Cosmi

Cosmi conferma la difesa a tre e soprattutto i suoi interpreti, Casasola a destra, Pagliarulo al centro e Legittimo a sinistra. Cambia invece a centrocampo, ma soltanto gli interpreti e non il modulo. Torna Nizzetto e c’è da sostituire Machin infortunato. Comincia così dal primo minuto Barillà. In attacco fiducia alla coppia De Cenco-Ferretti. Coronado, Nizzetto e Barillà si alternano nella costruzione del gioco. La fascia sinistra rimane quella più offensiva.

Le pagelle

Guerrieri 6: Non può fare nulla sul colpo di testa di Vajushi che al 10′ porta la Pro Vercelli in vantaggio. Provano a sorprenderlo quando è fuori dai pali prima Mustacchio e poi Mammarella su punizione. Deve essere già reattivo al 4′ con un tiro insidioso di Palazzi. Mostra sempre più personalità e sicurezza.

Casasola 6: La fascia destra è meno praticata dal Trapani e c’è la necessità di difendersi dagli attacchi della Pro Vercelli che nel primo tempo spinge sulla sua fascia sinistra. Tiene la posizione e prova ad imbastire anche qualche trama di gioco.

Pagliarulo 7: Il capitano è in gran forma. Gioca d’anticipo sugli avversari che si lanciano nel centro dell’area di rigore del Trapani. Fa a sportellate con i due attaccanti della Pro Vercelli Vajushi e Morra e quando entra Ebagua non si fa spostare di un millimetro.

Legittimo 6: Sta pagando il salto di categoria ma ci mette grinta e cuore per fare bene. Qualche disimpegno poteva essere più “pulito”, ma la Pro Vercelli era pimpante. Non ha mai abbassato la guardia.

Fazio 6: A Novara ha giocato meglio. Ha corso tanto ma dai suoi piedi non sono mai partite azioni pericolose. Ha capito che non era la sua serata ed ha giocato d’esperienza. Dà comunque sicurezza ed equilibrio in campo anche quando non è al top.

Nizzetto 6: Era al rientro ed è stato positivo. Fa meglio quando riesce a spostarsi sul fronte sinistro della sua squadra correndo nella zona, la fascia, che è stata sua in altre stagioni. Allarga il gioco quando la Pro Vercelli tenta di chiudersi a riccio e prova anche il tiro dalla distanza.

Coronado 7,5: Sembra davvero il suo campionato. E’ in forma smagliante. Fa il regista, prova l’azione personale, riesce sempre ad inventare qualcosa. Suo il gol del pareggio con un tocco delizioso con una palla sporca deviata dal portiere della Pro Vercelli che non era facile da addomesticare, ma lui c’è riuscito con grande naturalezza. Quando ha la possibilità di muoversi nella trequarti avversaria è devastante.

Barillà 6: le giocate con Coronado e Rizzato sono quelle migliori. Corre tanto e prova a dare consistenza al centrocampo granata. Ma il suo grande potenzialità di tecnica e di visione di gioco rimane ancora una volta inesploso. A fine gara c’è ancora una volta il retrogusto amaro di un’altra occasione sprecata per essere il vero Barillà.

Rizzato 6.5: Per lui la pagella comincia comunque dal 6 perché è una garanzia in campo. Ha provato a spingere sulla fascia per andare al cross, c’è riuscito. La palla messa sui piedi di Citro per la girata al volo di sinistro è stata la giocata più bella ed incisiva dell’esterno granata. Ancora una bella prova.

De Cenco 6: Pochi palloni giocabili. Non ha trovato il guizzo vincente come a Novara. Avrebbe potuto colpire al 26′ del secondo tempo su un invito di Coronado. Ha fatto tutto bene, stop, dribbling e tiro ma Provedel era in serata e gli ha negato il gol.

Ferretti 6: Dopo il gol al fotofinish di Novara il Provinciale si aspettava tanto dall’attaccante granata che ha forse sentito un po’ troppo la pressione del pubblico di casa. Qualche pallone perso male, ma tanta voglia di dare una mano alla squadra. Non tira mai via indietro il piede e quando vede la porta non ci pensa un secondo a tirare. Sarà molto utile.

Colombatto 6,5: Grande esordio per Santiago, che entra in campo e dice chiaramente, con i fatti, con la palla tra i piedi, dunque, che è il padrone del centrocampo granata. Grande visione di gioco e grande personalità. Non ha paura di sbagliare e di assumersi le responsabilità che competono a chi sta nella zona nevralgica del campo.

Citro 6: Un altro spezzone di partita per riprendere la condizione. A Novara soltanto la firma, a Trapani con la Pro Vercelli ha avuto due occasioni da gol ed una terza, con il colpo di tacco, avrebbe meritato un finale migliore. Sta recuperando in fretta.

Visconti s.v.: Cosmi lo manda in campo al 34′ del secondo tempo per far rifiatare Rizzato. Tiene la posizione. Ma è ancora troppo poco per giudicarlo.

Cosmi 6: Avrebbe voluto la vittoria nella prima in casa ma ha dovuto fare i conti con l’organizzazione della Pro Vercelli, ben messa in campo da Moreno Longhi. Ha “difeso” la difesa con la conferma in  blocco e sta ancora sperimentando l’assetto migliore per il centrocampo.

Il campionato

Seconda giornata

Brescia-Frosinone 2-0 (ieri)

Cittadella-Ternana 2-0 (ieri)

Perugia-Bari 0-1 (ieri)

Trapani-Pro Vercelli 1-1

Ascoli-Cesena rinviata

Carpi-Benevento 1-1

Latina-Spezia 0-0

Pisa-Novara 1-0

Salernitana-Verona 1-1

Spal-Vicenza 3-0

Virtus Entella-Avellino 2-0

CLASSIFICA: Cittadella 6 punti; Verona, Benevento, Brescia, Carpi 4; Spal, Pisa, Bari, Frosinone, Entella 3, Trapani, Pro Vercelli, Salernitana, Spezia 2, Ascoli, Cesena, Novara, Perugia, Avellino, Latina 1, Ternana, Vicenza 0.

(Pisa, Ascoli, Cesena e Ternana, una partita in meno)

Prossimo turno (sabato 10 settembre, ore 15)

Ascoli-Spal

Avellino-Trapani

Benevento-Verona

Brescia-Perugia

Cesena-Carpi

Entella-Pisa

Frosinone-Latina

Novara-Salernitana

Pro Vercelli-Cittadella

Ternana-Spezia

Vicenza-Bari

(Recupero Pisa-Ternana, 6 settembre, ore 20,30)

 

 

Commenti

commenti