TRAPANI, “ARRIVANO” LE SARDINE. INTERVISTA A DANIELA VIRGILIO

Facebook

18 Dicembre 2019

Non ci sono gerarchie. Il Movimento rimane “orizzontale”. E’ nato dal basso e con una forte spinta multimediale e tale rimane, almeno in questa fase. Non c’è dunque una gestione dirigenziale ma c’è un disegno strategico ed una organizzazione che punta alla partecipazione alla Piazza. Per discutere, per segnare anche qualche paletto. Le “Sardine” hanno scelto anche Trapani per farsi conoscere e per conoscere. Il prossimo 4 gennaio apriranno il confronto con la città. A Piazza Vittorio Emanuele, dalle 19 alle 20, nell’area chiusa al traffico e dalla parte della vasca del Tritone. E’ la prima manifestazione politica nell’area che l’amministrazione Tranchida ha voluto rendere pedonale e che finora è stata utilizzata per eventi sportivi o musicali. Tra qualche giorno quella stessa Piazza produrrà politica. Ci sarà, tra gli altri, Daniela Virgilio, che ha deciso di puntare su questa nuova iniziativa dopo la sua esperienza politica in quel di Erice con la candidatura civica alla carica di sindaco. Le “Sardine” sono tutt’altra cosa e lanciano una nuova sfida alla politica.

La Piazza come punto e momento di aggregazione e di confronto sul Paese, sulle Città, sui territori.

“Le Sardine sono fuori dai consueti schemi della politica, e oggi rappresentano la democrazia attiva e viva nel nostro paese. Le piazze italiane, con le Sardine, hanno preso la forma dell’antifascismo e della lotta alla discriminazione. In seguito al Flash mob 6000 Sardine di Bologna, anche noi abbiamo deciso di scendere in Piazza a Trapani. Attraverso i social abbiamo lanciato l’evento per darci appuntamento il 4 gennaio”.

Evento dunque organizzato. Ma come? 

“Le Sardine arriveranno da tutti i comuni della provincia. Animeremo la Piazza con la nostra presenza e sarà un momento colorato e pacifico. Esiste, ed è evidente, una voglia enorme di partecipare, di testimoniare, di organizzare una nuova resistenza per contrastare chi semina odio, chi strizza l’occhio ai nuovi fascismi, chi usa le menzogne e la propaganda per ottenere consenso”.

E’ molto chiaro da che parte state e quali sono i vostri valori di riferimento. Ma c’è chi dice che dietro c’è lo zampino dei partiti che sono contro la Lega. Del resto anche voi vi presentate come Movimento che “non si lega”
“Anche noi Sardine trapanesi sottolineiamo il carattere apartitico dell’iniziativa. Scegliamo di valorizzare la politica intesa come difesa dei valori da parte dei cittadini.
Antifascismo, antirazzismo, democrazia solidale, sviluppo sostenibile, partecipazione, cooperazione internazionale, difesa della legalità e della Costituzione, sono, i principali valori che ci accomunano. La scelta è, dunque, quella di riempire le Piazze per provare a cambiare la percezione della politica di questi anni, chiedere una maggiore partecipazione a tutti, toni politici più rispettosi e non violenti. Vogliamo essere uniti contro ogni forma di intolleranza, di violenza e di arroganza, sia nella vita politica, che sul web”.

Poi c’è il confronto sui territori.

“Il 4 gennaio è l’inizio di una serie di iniziative sul nostro territorio”.

Notizie Correlate