ERICE, ODDO “SCRIVE” ALL’ALTRO ODDO E CONFERMA LA TERZA VIA SOCIALISTA

E’ quasi una lettera aperta, ma senza destinatario nell’intestazione. Oddo scrive ad Oddo. L’ex parlamentare regionale socialista Nino Oddo misura le parole e soprattutto ne approfitta per delineare la linea del suo partito, anche se si tratta soltanto di un post su Facebook. Il Psi non cavalca la questione morale. Il Psi non ha firmato la mozione di sfiducia. Il Psi rimane anti-tranchiano, che non vuol dire essere contro il Pd. E’ in sintesi l’interpretazione politica del post che comincia così. ” L’onorevole Camillo Oddo ci ha messo la faccia ed ha fatto un bel comunicato di sostegno al sindaco Toscano. Ha fatto bene e gli fa onore. Daniela è stata per anni una sua fedelissima e l’amicizia si misura nei momenti difficili. Peraltro consapevole che in vicende giudiziarie come queste si corre sempre il rischio di essere smentito da fatti successivi”. C’è poi la parte che conferma la linea anti-tranchidiana: “Però che sia sceso in campo lui, esponente storico, da alcuni anni, per sua scelta, un po’ ai margini della vita politica attiva, rende ancora più assordante il silenzio del vero leader dello schieramento che governa Erice e Trapani . Parlo ovviamente del mio caro amico giacomino. Tempestivo nel convocare una conferenza stampa a difesa di Angelo Catalano, nella quale preannunciò, con precisione millimetrica, gli arresti che sarebbero stati disposti dopo pochi giorni – mi ero sorpreso che non mi aveva citato fra i cattivi, poi ho capito che non essendo fra i destinatari dei provvedimenti mi ero salvato per una volta dai suoi strali. Invece stavolta silenzio. Non solo. Siccome ha la palla di vetro omette di nominare assessore il fratello di Daniela, poi, pure lui, oggetto di un avviso di garanzia, pur designato dal suo gruppo. Conclusione del ragionamento. Il silenzio di Giacomino, viste le sue capacità di prevedere il traffico in via XXX Gennaio, inquieta e preoccupa molto di più delle rassicurazioni e della solidarietà, in assoluta buona fede, del buon Camillo”.

Commenti

commenti