UDC, LO CURTO: “C’E’ BISOGNO DEI MODERATI PER FERMARE SOVRANISTI E SINISTRA”

Facebook

16 Settembre 2019

Lorenzo Cesa punta ad un centro forte con la sua Udc protagonista di una nuova fase politica. “Senza un centro forte – ha detto il segretario nazionale alla Festa del suo partito, che si è svolta a Fiuggi il 14 e 15 settembre – non c’è stabilità. Né qui da noi, né in Europa. Ci prendiamo carico di un progetto che sia in grado di unire tutte le anime moderate che sono contro il sovranismo e lontane dalla sinistra”. Ed alla due giorni di Fiuggi ha partecipato anche la presidente del gruppo parlamentare dell’Udc all’Ars Eleonora Lo Curto: “Ci troviamo di fronte ad un bipolarismo sovranista di destra e ad una sinistra rafforzata nei suoi estremismi dal qualunquismo dei Cinquestelle, che governano indifferentemente prima con gli uni e poi con gli altri. L’Italia vive una profonda crisi di democrazia vera, una crisi che mina lo Stato di diritto e gli stessi principi costituzionali. Ciò è reso possibile grazie alla propaganda e alla falsa informazione che orienta le idee dei cittadini, distraendoli dai temi su cui costruire il futuro dei giovani, la sostenibilità dell’economia, lo sviluppo e il lavoro che, al contrario, dovrebbero essere al centro dell’agenda della classe politica”. L’onorevole Lo Curto, di fronte a questo scenario, non ha alcun dubbio: “L’Italia ha bisogno dell’impegno etico e politico dei moderati. L’Udc è la piattaforma di lancio di questa responsabile azione di serio rinnovamento della politica. C’è bisogno di ragionevolezza e moderazione, e non di urla tra chi si odia e poi finge di amarsi o di chi ha trasformato la dialettica e il confronto in scontro”.