PRIMARIE E CONGRESSO PD: LOMBARDINO CONTRO BRILLANTE O GRIGNANO?

Nel Pd trapanese, così come in quello regionale e nazionale, si vive alla giornata. La data del prossimo 3 marzo è sempre più vicina e soprattutto sempre più decisiva per il futuro dei dem. Si terranno le primarie per eleggere il nuovo segretario ed iscritti, simpatizzanti, dirigenti e militanti potranno scegliere fra tre opzioni: Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti. Il primo parte favorito e se fosse per la federazione provinciale del Pd vincerebbe a mani basse. Nelle consultazioni per la convenzione ha infatti ottenuto l’84,5%, Martina si è fermato al 9,5%, Giachetti al 6%. Si tratta dei voti degli iscritti. Il consenso ampio su Zingaretti è frutto di un’alleanza tattica tra gli ex Ds e gli amici dell’onorevole Baldo Gucciardi. In netta minoranza, invece, i renziani che si sono posizionati sugli altri due candidati. Ma il 3 marzo sarà ancora un’altra competizione. In attesa di organizzare i gazebo per il voto: 13 seggi in tutta la provincia, con la possibilità di votare dalle 8 alle 20, presentandosi che un documento d’identità ed il certificato elettorale, la commissione per il congresso ha definito tappe e date per l’elezione del nuovo segretario provinciale. Presieduta da Peppe Casabella ha ufficializzato il termine per la presentazione delle candidature: 21 febbraio, dalle 19 alle 20. Dal 22 febbraio al primo marzo si potranno celebrare i congressi dei circoli per arrivare all’assemblea provinciale del 7 marzo che dovrà mettere il suo sigillo politico sull’elezione del nuovo segretario. Tra uno scontro e l’altro, prima, durante e dopo le convenzioni di circolo e di quella provinciale era emersa una candidatura alla segreteria che saldava l’alleanza tra ex Ds ed amici di Gucciardi. Un’intesa che aveva portato alla candidatura alla segreteria del sindaco di Santa Ninfa Giuseppe Lombardino. Soluzione fortemente osteggiata dai renziani, ma con il favore dei numeri all’interno del partito. Gli amici dell’ex sottosegretario Davide Faraone stanno lavorando per proporre una loro soluzione alternativa. Il loro candidato potrebbe essere il segretario del Pd di Trapani Francesco Brillante. Gira anche il nome dell’ex consigliere comunale Nino Grignano. Con le primarie non viene eletto soltanto il nuovo segretario – che deve tuttavia superare la soglia del 50% dei consensi per essere eletto direttamente, altrimenti sarà l’Assemblea Nazionale ad entrare in azione – ma anche la nuova Assemblea Nazionale del partito. E’ il “parlamentino” Pd che viene definito con il sistema proporzionale. I delegati del partito trapanese saranno 5. Una proiezione sui rapporti di forza delineati dalle convenzioni potrebbe consegnare 3 seggi all’area Zingaretti ed uno ciascuno a Martina e Giachetti. Liste che saranno collegate ai candidati alla segreteria e che si stanno componendo all’interno di alleanze ed intese tra le “correnti” dem.

Commenti

commenti