MAZARA, FORZA ITALIA ENTRA IN CONSIGLIO CON ZIZZO. SCILLA: “BENTORNATO”

L’adesione di Nino Zizzo a Forza Italia affonda il colpo sulla storia politica della città. Consuma ulteriormente uno strappo con una stagione amministrativa che sembra ormai avere preso la strada del passato, dell’archivio. Zizzo è stato un fedelissimo dell’ex sindaco Nicola Cristaldi. Assessore ai Lavori Pubblici ed all’Urbanistica. Ma è stato anche tra gli “scissionisti”, con la scelta di partecipare al progetto civico dell’Osservatorio Politico che l’ha portato a sostenere il candidato ed ora sindaco di Mazara del Vallo Salvatore Quinci. Il consigliere Zizzo segna lo strappo anche perché entra a far parte del partito berlusconiano con il via libera del suo commissario provinciale Toni Scilla, uno degli avversari più duri – dopo anni di collaborazione – dell’ex sindaco Cristaldi. Il dirigente forzista parla di “ritorno a casa”, commentando l’adesione di Zizzo che, per lui, “è sempre stato di Forza Italia”. Ma è evidente che si tratta di una scelta che va oltre le motivazioni di Zizzo e che finisce per definire una nuova mappa politica in città. C’è una ulteriore novità. Zizzo è un consigliere di maggioranza e di conseguenza porta Forza Italia nell’area della coalizione che ha sostenuto Quinci. Coalizione che si era presentata ed era stata considerata, finora, esclusivamente civica, senza sigle di partito. Il sì del consigliere al partito berlusconiano apre le porte del consiglio ai forzisti che si presentano, ora, come interlocutori dell’amministrazione Quinci. Dato politico che Scilla finisce per sottolineare salutando l’adesione di Zizzo: “La preziosa esperienza, la grande capacità di ascolto, la conoscenza socio economica della comunità mazarese e la politica intesa come l’arte del servire fanno di Nino Zizzo un componente essenziale per lo svolgimento dei lavori del massimo consesso civico a sostegno della neo amministrazione comunale guidata dal sindaco Salvatore Quinci”. Adesione che ha anche il sigillo politico del commissario regionale forzista Gianfranco Miccichè.

Commenti

commenti