TRAPANI, DB SI DIVIDE. NASCE ALLEANZA TRAPANESE DI RALLO E BICA

Se non è una scissione poco ci manca. Sembra esserne l’anticamera politica. Un dato è chiaro. All’interno di Diventerà Bellissima trapanese c’è un problema. Una sua parte contesta la linea del Presidente della Regione Nello Musumeci. Si tratta del gruppo che fa riferimento all’ex sindaco di Custonaci Peppe Bica ed all’ex deputato nazionale Michele Rallo. La loro componente si è riunita a Castellammare del Golfo ed ha fatto il punto, oltre a dare vita ad un movimento di opinioni, Alleanza Trapanese. Dicono no ad un partito meridionalista che poi dovrebbe allearsi con la Lega. Soluzione caldeggiata da Musumeci che ha rapporti sempre più stretti con i movimenti autonomisti che si stanno organizzando sull’Isola. Dicono anche, ed è un dissenso forte alle scelte che Musumeci ha fatto per le nomine in provincia di Trapani. Dalla sanità al Museo Pepoli. Decisioni che hanno scavalcato Db trapanese che non è mai entrata nel merito delle proposte ed ancora meno delle decisioni. Rallo e Bica – e tutti gli altri del gruppo – rivendicano la presenza di professionalità e di esperienze che avrebbero potuto assumere ruoli di responsabilità, che invece sono stati affidati ad altri che hanno un comune denominatore: nessun collegamento con il territorio trapanese. La critica dei “dissidenti” è chiara: “Si ha l’impressione che il vertice di Diventerà Bellissima e la sua delegazione al governo regionale si muovano senza alcun
collegamento con il nostro territorio, dove pure il Presidente Musumeci poteva contare su un robusto nucleo di qualificati esponenti politici che da vent’anni a questa parte sono stati al suo fianco nella lunga battaglia che lo ha al fine portato alla Presidenza della Regione Siciliana”. Alleanza Trapanese, almeno in questa prima fase, apre le porte soltanto agli ambienti politici vicini e di DB, ma non esclude che in seguito possa allargare le maglie del confronto. Al suo interno c’è un pezzo importante della destra storica trapanese. Oltre a Rallo e Bica, anche il mazarese Aurelio Norrito e rappresentanti e consiglieri di Erice Custonaci, Salemi, Castellammare del Golfo, Mazara e Trapani.

Commenti

commenti