TRAPANI, TUTTO PRONTO PER LA CITTADINANZA ONORARIA ALL’EX PREFETTO SODANO

In vita la rifiutò polemicamente, facendo arrivare in consiglio comunale una nota poco dopo il voto dell’aula. La riceverà invece alla memoria. E’ la storia infinita della cittadinanza onoraria all’ex Prefetto Fulvio Sodano. Il suo conferimento è stato accompagnato da polemiche, scontri politici, dalla necessità di attrezzare il Comune di un regolamento. Lunedì prossimo dovrebbe essere posta la parola fine su questa vicenda che rimane tuttavia controversa e che sarà impegno e lavoro per gli storici. Soltanto loro potranno infatti tracciare una line di verità, lontani dalle contrapposizioni e dalle fazioni in campo. Sta di fatto che lunedì prossimo ci sarà una cerimonia in due tempi. Alle 9,30, a Palazzo D’Alì, sarà intitolata all’ex Prefetto la sala di rappresentanza del Palazzo Comunale, mentre, alle 11,30, a Palazzo Cavarretta, sede del consiglio comunale ci sarà il conferimento della cittadinanza onoraria alla memoria.

La lettera di Fulvio Sodano

Settembre 2013. Il sindaco di Trapani era Vito Damiano, il presidente del consiglio comunale Peppe Bianco.

Testo integrale della nota inviata al consiglio comunale

Io sottoscritto Fulvio Sodano, cittadino onorario della città di Trapani solo per libera concessione da parte di alcuni cittadini ma soprattutto per mio sacro credo personale, desidero far pervenire a Lei Signor Presidente del Consiglio Comunale quale principale organo collegiale ma anche a coloro che nella veste ufficiale di Consiglieri e soprattutto di Cittadini sono chiamati a svolgere in libera coscienza ed in virtù di un solenne giuramento, adempimenti normativi di grande responsabilità, ma anche adempimenti cerimoniali che, in quanto riconducibili a espressione sia pure di valori simbolici della nostra Nazione, assumono importanza diversa ma non di secondo ordine, quanto segue: ho avuto modo di apprendere che in data odierna per l’ennesima volta si è portato all’ordine del giorno di codesto Consiglio Comunale, l’annoso problema riguardante l’eventuale concessione della cittadinanza onoraria di Trapani nei miei confronti. A tal riguardo, in totale libertà e piena consapevolezza, comunico di volere rinunciare a tale ufficiale riconoscimento, ritenendomi pienamente onorato e soddisfatto di quello già conferitomi semplicemente dai cittadini che lo hanno insistentemente voluto e dal ricordo indelebile del mio umile lavoro di servitore dello Stato, svolto in quella Terra e che alla stessa mi sento fortemente legato per la vita a prescindere da eventuali ufficiali riconoscimenti e che niente,ribadisco niente, neppure la negazione di un timbro, potrà influire o alterarne l’autentico valore. Questa mia odierna decisione trae fondamento dalla non volontà più volta espressa in sede del Consiglio Comunale ma anche al fine di evitare eventuali strumentalizzazioni politiche. Di quanto sopra prego informare il Signor Sindaco di Trapani al quale sono certo farò cosa gradita. Un grazie di vero cuore a coloro i quali si sono prestati ahimè ad una causa di cui purtroppo si intravedeva l’esito sfavorevole. Fulvio Sodano

Commenti

commenti