• Home »
  • Politica »
  • COMUNALI MAZARA, CANDIDATI SINDACO A QUOTA 6. C’E’ PURE IL CENTRODESTRA CON CORRAO

COMUNALI MAZARA, CANDIDATI SINDACO A QUOTA 6. C’E’ PURE IL CENTRODESTRA CON CORRAO

Dovrebbe essere l’ultimo tassello delle Comunali di Mazara del Vallo. Il centrodestra ha sciolto la riserva ed ha ufficializzato la candidatura a sindaco di Benedetta Corrao. A sostenerla Forza Italia, Udc e “Diventerà Bellissima”. Una coalizione che fa riferimento al governo regionale ed agli equilibri politici che stanno dietro l’azione della Giunta Musumeci. Coalizione che registra la decisione del gruppo che si riconosce nell’ex candidato sindaco Vito Torrente di seguire un altro percorso politico ed elettorale. La candidatura della Corrao va ad aggiungersi alle altre già in campo da qualche tempo. I “Futuristi” del sindaco uscente Nicola Cristaldi – impegnato nella sua nuova candidatura a sindaco di Calatafimi-Segesta – hanno scelto Mariella Martinciglio, che potrà contare anche sull’adesione al suo progetto elettorale della lista “Avvenire” di Vincenzo Silaco. Lo schieramento civico con “SiaAmo Mazara”, “Mazara Bene Comune”, “Osservatorio Politico”, “La Forza dei Fatti” ha invece deciso di puntare su Salvatore Quinci, leader del movimento “Partecipazione Politica”. La Lega ha lanciato nella mischia il consigliere uscente Giorgio Randazzo che dovrebbe avere il sostegno di Fratelli d’Italia e delle liste di Torrente. Con Randazzo pure gli “Autonomisti” di Roberto Cacioppo. Il Pd ha affidato la sua battaglia elettorale al consigliere uscente Pasquale Safina. In corsa anche il Movimento Cinquestelle con il consigliere Nicola La Grutta. Definito – al netto di qualche sorpresa dell’ultima ora – il quadro delle candidature a sindaco si apre la fase della definizione delle liste, componente essenziale del gioco elettorale perchè il sistema di voto premia le coalizioni. Da verificare se l’apertura dei grillini alle liste civiche – dopo le sconfitte alle Regionali d’Abruzzo e Sardegna – avrà già un riscontro concreto per le elezioni del 28 aprile. Da verificare anche l’esito delle primarie nazionali del Pd. La vittoria di Zingaretti potrebbe aprire margini di dialogo tra i dem mazaresi, fortemente renziani, ed il resto del partito? E’ una domanda che potrà avere una risposta soltanto ad urne chiuse e risultato acquisito. Il centrodestra che ha scelto la professoressa Corrao è nella formula più “ristretta”. Riuscirà ad allargare il quadro delle alleanze? Nodo che sarà sciolto nei prossimi giorni quando dovrebbero attivarsi le segreterie regionali dei partiti della coalizione.

Commenti

commenti