TRAPANI-FRANCAVILLA 3-1, CALORI CENTRA I CAMBI E VINCE LA PARTITA

18 Novembre 2017

Trapani-Francavilla 3-1

Reti: Girasole 9’st, Viola 23’st, Reginaldo 25’st, Palumbo 37’st

Trapani: Furlan, Pagliarulo, Bastoni, Evacuo (18’st Reginaldo), Murano (34’st Dambros), Fazio, Silvestri, Girasole (29’st Steffè), Palumbo, Visconti (18’st Rizzo), Marras. A disposizione: Pacini, Ferrara, Bajic, Taugourdeau, Canino, Minelli. All. Alessandro Calori

Francavilla: Albertazzi, Prestia, Buono (16’st Monaco), Saraniti, Pino, Albertini (39’st Valotti), Abruzzese, Sicurella, Mastropietro (29’st Ayina), Madonia (16’st Viola), Agostinone. A disposizione: Battaiola, Di Nicola, Delvecchio, De Toma, Gallu. All. Gaetano D’Agostino

Arbitro: Mario Vigile di Cosenza; Assistenti: Gaetano Massara di Reggio Calabria e Veronica Vettorel di Latina

RETI: Girasole 9’st, Viola 23’st, Reginaldo 25’st, Palumbo 37’st

Note: Ammoniti Evacuo, Palumbo, Rizzo nel Trapani – Buono, Prestia, Sicurella, Abruzzese nella Virtus Francavilla; Recuperi: 1’pt-6’st; Corner: 10-5; Spettatori: 3.480

 

 

La Virtus Francavilla è la squadra più forte finora vista al Provinciale. Di conseguenza la vittoria del Trapani, larga, per 3-1, ha un valore aggiunto. Partita vinta rimanendo pazienti, in attesa dell’occasione giusta. Partita vinta anche con i cambi di mister Calori. Uno, in particolare, farà discutere. Al 17′ del secondo tempo Calori manda in campo Reginaldo al posto di Evacuo che non la prende bene. Non saluta il mister all’uscita dal campo e scaraventa a terra una bottiglietta d’acqua andandosene su tutte le furie negli spogliatoi. Un giocatore della caratura e dell’esperienza di Evacuo avrebbe fatto meglio a comportarsi in ben altro modo. E’ un esempio per la squadra e non è stato certo un bel esempio quello che ha dato. Ma torniamo alla partita. Primo tempo assolutamente bloccato e con la Virtus Francavilla a dettare i tempi della gara per buona parte dei 45′ iniziali. Ospiti già pericolosi al 1′ con un colpo di testa di Mastropietro in piena area di rigore su un cross che arrivava dalla sinistra, Furlan è attento e manda in calcio d’angolo. Il Trapani – ed è da qualche partita – ha un Marras in più. Cross al 4′ e difesa della Virtus Francavilla che si rifugia in angolo con Murano in agguato. All’8′ ancora Marras per Murano ma Albertazzi gli nega il gol mettendoci il piede. Al 9′ sempre Marras, ma il suo cross insidioso finisce in calcio d’angolo per la deviazione di un difensore ospite. Al 26′ ci prova Palumbo dalla distanza ma la palla finisce abbondantemente fuori. La Virtus Francavilla risponde con Buono, altro tiro da fuori senza velleità. Al 34′ il Trapani ha la palla per passare in vantaggio ma Bastioni è costretto a tirare di destro e manda la palla alta sulla traversa appena entrato in area di rigore. Al 45′ Buono fa il cattivo e viene ammonito per un fallo su Murano. Punizione al 45′ di Palumbo che non inquadra la porta. Un minuto di recupero e poi tutti negli spogliatoi. La tribuna rumoreggia, la curva tifa e non tifa dopo lo scioglimento della “Curva Nord” ed affiora qualche perplessità sulla gara del Trapani. Il secondo tempo è tutta un’altra partita. I granata entrano in campo ancora più determinati e schiacciano la squadra di mister D’Agostino nella sua trequarti. Pressing asfissiante del Trapani e non soltanto sul portatore di palla avversario. Ed al 9′ arriva il vantaggio dei granata. Evacuo difende bene la palla in area di rigore e scarica per l’accorrente Girasole, in campo al posto dello squalificato Maracchi. Il centrocampista granata impatta bene la palla e la spedisce sotto l’incrocio dei pali alla sinistra del portiere. Trapani in vantaggio e soprattutto partita che si sblocca. Comincia i cambi. De Agostino tira fuori Buono e mette dentro Monaco, e manda in campo Viola al posto dell’ex Peppe Madonia. Grande accoglienza del Provinciale per l’attaccante del Francavilla, applaudito da tutto lo Stadio prima della gara e dopo la sostituzione con la standing ovation di parte della tribuna. E’ tra gli ex della promozione storica in serie B. Calori risponde qualche minuto dopo con la sostituzione di Evacuo e di Visconti, al posto di quest’ultimo un più dinamico Rizzo. Ma al 22′ un gran pallonetto dal limite del vertice sinistro dell’area di rigore del Trapani beffa Furlan e fa gelare il Provinciale. E’ il pareggio di Viola, appena entrato al posto dell’ex Madonia. Ancora un cambio per Calori che sostituisce Girasole con Steffè per dare maggiore gamba al centrocampo granata. Al 24′ il gol capolavoro di Reginaldo che si fa trovare pronto in area di rigore su cross da destra di Marras, sforbiciata al volo ed il Provinciale esplode di gioia. De Agostini richiama Mastropietro e lancia nella mischia Ayina. Ma è il Trapani ad essere ancora pericoloso a partire dal 30′ in rapida successione si presentano davanti al portiere prima Murano e poi Rizzo ma trovano sempre Albertazzi a negargli la gioia del gol, a tu per tu in area di rigore. Al 33′ Marras fa tutto bene. Salta i suoi avversari come birilli ma poi non riesce a tenere basso il suo tiro a giro di destro, che non è decisamente il suo piede. Fa ammonire metà della squadra con i suoi dribbling ubriacanti ma non riesce a darsi la soddisfazione del gol. Che invece arriva al 37′, su punizione, e per un fallo subito da Marras. Tiro a giro dal lato destro del campo e palla che s’infila sotto la traversa sulla destra del portiere della Virtus Francavilla. Al 39′ gran contropiede granata con Rizzo che mette la palla in area per Marras che arriva di corsa e tocca di destro mandando la palla sulla traversa. De Agostini le prova tutte e sostituisce Albertini con Valotti. Ma la gara non cambia anche se l’arbitro Mario Vigile di Cosenza concede 6′ di recupero. Partita che si è incattivita nel secondo tempo perché l’arbitro ha rischiato di farsela sfuggire dalle mani per interventi alquanto discutibili rispetto a vere e proprie risse dopo un fallo da una parte e dall’altra. Finisce 3-1 per il Trapani e la squadra di Calori non può che essere soddisfatta. L’allenatore Calori ha riproposto il 3-5-2, che spesso diventa un 4-3-1-2, con un trequartista anomalo, Marras, che si muove più sulla fascia. Risultato importante che fa morale e classifica e che proietta il Trapani alla sfida di Coppa Italia di martedì prossimo, in casa, contro il Siracusa.

15° giornata serie C girone C

Akragas-Andria 1-5

Juve Stabia-Catania 0-1

Paganese-Real Fondi 2-2

Sicula Leonzio-Casertana 1-1

Rende-Matera (ore 16,30)

Bisceglie-Monopoli (ore 20,30)

Lecce-Reggina (ore 20,30)