TRAPANI, CONSIGLIO/2: ECCO CHI HA VOTATO L’INCOMPATIBILITA’ DI FAZIO

23 Gennaio 2017

Così com’era accaduto nella seduta che il consiglio ha dedicato alla verifica della sussistenza dell’eventuale causa dell’incompatibilità del consigliere Mimmo Fazio il confronto d’aula s’è fatto più duro sul sistema di voto. L’ex sindaco è tornato a chiedere il voto palese, appellandosi allo statuto comunale ed in particolare all’articolo 15, che fa riferimento alle cause d’incompatibilità e di ineleggibilità che vengono prese in considerazione nella seduta d’insediamento dell’aula dopo un turno elettorale. Ma anche in questa occasione – in quella precedente il consiglio si pronunciò con un voto sulla richiesta di voto palese, bocciandola – l’aula ha deciso di andare avanti con lo scrutinio segreto. Hanno preso parte alla votazione: il presidente Peppe Bianco, Giuseppe Guaiana, Nicola Sveglia, Nino Grignano, Ninni Barbera, Giorgio Colbertaldo, Giuseppe La Porta, Franco Briale, Giuseppe Ruggirello ’58, Nicola Lamia, Nic Giarratano, Felice D’Angelo e Silvestro Mangano e Leo Peralta. L’esito finale della votazione: 13 sì e un no. I cinque astenuti (Ferrante, Andrea Vassallo, Pietro Cafarelli, Enzo Abbruscato e Ninni Passalacqua) non hanno preso la scheda ma sono rimasti in aula al momento del voto. Il resto dei consiglieri ha invece abbandonato l’aula. Il precedente voto segreto, quello che verificava la sussistenza della causa d’incompatibilità aveva registrato 14 sì, 9 no all’incompatibilità e 4 astenuti.