FAVIGNANA, SINDACO PAGOTO: “QUALCUNO SI PRENDA CURA DI LEO”

Facebook

14 Gennaio 2016

Leo è stato operato ma sarà necessario attendere ancora un po’ per sapere se è salvo. Leo è ormai un caso nazionale e ripropone la questione irrisolta dei diritti degli animali e la loro tutela. Il cane di Favignana si è beccato due colpi di fucile che hanno rischiato di farlo secco. Leo aveva commosso tutti quando s’era presentato al funerale del suo padrone partecipando in Chiesa alla funzione funebre. Da quel giorno è diventato un randagio che avrà dato fastidio a qualcuno che ha pensato bene di zittirlo a fucilate. Leo, nella sua vita, ne ha viste di cotte e di crude. E’ proprio il caso di dirlo perché una volta hanno tentato di bruciarlo vivo con l’acqua bollette ed in un’altra di gettarlo in una cava abbondonata sperando che non riuscisse più a ritrovare la strada. Le forze dell’ordine sono al lavoro per individuare l’uomo che ha sparato per fare male al cane. L’attenzione sull’isola è altissima ed è sceso in campo anche il sindaco Giuseppe Pagoto: “La vicenda di Leo ci coglie impreparati rispetto a tale ferocia ma non sull’operato necessario e sulle priorità da attuare. Da parte nostra non solo la più ferma condanna per quanto verificatosi, ma soprattutto la massima attenzione all’evoluzione del gravissimo episodio per individuare il responsabile. Ci siamo fatti carico delle cure indispensabili e rivolgiamo un profondo ringraziamento ai volontari, per l’indispensabile aiuto e supporto rivolto alla bestiola ferita e ai veterinari che gli hanno salvato la vita e ne stanno seguendo il decorso”. Il primo cittadino pensa già al dopo, quando Leo potrà tornare a correre: “Speriamo in un recupero di Leo e poi, soprattutto, in un affidamento che lo tolga dai pericoli della strada a persone che possano accoglierlo e prendersi cura di lui. E a tal riguardo il nostro appello è rivolto a chiunque possa dedicargli amore e attenzioni: anche fuori dall’isola”. Il proiettile estratto dal corpo di Leo sarà consegnato alle forze dell’ordine. L’altro proiettile non è stato estratto.

 

Notizie Correlate