TRAPANI, LIPARI METTE SOTTO ACCUSA LA SPONSORIZZAZIONE DEL “NATALE” ORGANIZZATO DAL COMUNE

Facebook

8 Gennaio 2020

Non si limita alla polemica ed allo scontro politico, il consigliere Giuseppe Lipari ha deciso di presentare un esposto alle Autorità competenti perché ritiene che l’amministrazione Tranchida sia incappata in un errore, quello di violare il regolamento per le sponsorizzazioni. Il rappresentante consiliare fa riferimento alle manifestazioni natalizie organizzate dal Comune in collaborazione con il Luglio Musicale Trapanese, l’ATM ed un partner privato. Nell’organizzare pessimamente il Natale a Trapani, il Comune – denuncia Lipari – ha agito in maniera illegittima, saltando la necessaria procedura ad evidenza pubblica. Affidando in maniera diretta la sponsorizzazione alla City Green Light, società privata, è stato violato il regolamento per la disciplina delle sponsorizzazioni di lavori, servizi e forniture, approvato lo scorso 2 settembre 2019, nonché raggirati i principi di trasparenza, imparzialità e buon andamento della pubblica amministrazione di cui all’articolo 97 della Costituzione. È inammissibile che la giunta ed il sindaco, dopo averlo votato e sottoposto all’approvazione del consiglio comunale, si dimentichino dell’esistenza di tale regolamento, violandone i principi ispiratori”. Il consigliere la butta anche in politica: “Capisco che il sindaco Tranchida, un po’ superficiale nei confronti del bene della città, pensa solo a fare campagna elettorale per le Regionali del 2022. Capisco anche che non parla con i pregiudicati, che pure sono cittadini trapanesi ed hanno altresì diritto al reinserimento nella società dopo aver pagato le proprie colpe. Tuttavia non è raro che amministratori locali incapaci ed improvvisatori finiscano per riportare condanne per reati come corruzione, concussione e abuso di ufficio. Sarebbe una beffa per lui che predica imparzialità trasparenza e legalità, se diventasse egli stesso un pregiudicato. L’unica cosa che si sa è che ad oggi, sull’albo pretorio non risulta pubblicato nessun atto relativo alla sponsorizzazione effettuata dalla Green City Light nei confronti del Comune, così come dichiarato alla stampa dagli esponenti dell’amministrazione”. Lipari delinea la sua strategia: “Per avere chiarezza ho infatti depositato un’interrogazione scritta nella quale chiedo al sindaco di rendicontare su quanto è costato il Natale 2019 ai trapanesi, sulle procedure amministrative adottate e sulle motivazioni che hanno portato la stessa a discostarsi dall’emanare un atto d’indirizzo come fatto nel 2018, percorso che avrebbe certamente garantito la necessaria trasparenza ed il buon andamento della pubblica amministrazione. Mi auguro di avere una risposta in tempi celeri, visto che questa amministrazione comunale, oltre a rispondere arbitrariamente alle interrogazioni dei consiglieri dopo oltre 6 mesi, pare continuare a gestire la città come fosse casa propria, per cui ritengo necessario, nell’esclusivo interesse della collettività, inoltrare quanto sopra esposto alle autorità competenti affinché si faccia chiarezza o si accertino eventuali responsabilità, per far si che chi sbaglia paga evitando che a rimetterci siano sempre i cittadini onesti”. La City Green Light ha sponsorizzato il Natale 2019 con un investimento di 30 mila euro. Il consigliere mette in discussione l’affidamento diretto, a suo dire, a norma di regolamento, non in linea con le procedure di evidenza pubblica che sono invece previste nell’atto deliberativo approvato in consiglio”. “Non ci è dato sapere – ha concluso Lipari – se altre ditte, trapanesi e non, avrebbero offerto più di 30.000 euro, così come non sappiamo se l’illegittima procedura di individuazione adottata, possa esporre il Comune ad una pretesa risarcitoria da parte di tutte le aziende così estromesse dalla possibilità di sponsorizzare l’evento”. Da qui, il rischio, per il consigliere, di un danno erariale.

Notizie Correlate