• Home »
  • Attualità »
  • ERICE, NACCI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO”. ODDO: “E’ SOLTANTO UN ACCORDO CONSILIARE”

ERICE, NACCI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO”. ODDO: “E’ SOLTANTO UN ACCORDO CONSILIARE”

Luigi Nacci è il nuovo presidente del consiglio comunale di Erice ma i nodi politici rimangono ancora tutti da sciogliere. E’ stato eletto nella seconda votazione con 8 voti a favore e 2 schede bianche. Determinante la presenza in aula dei due consiglieri del Pd, Carmela Daidone e Pino Agliastro, che però, coerenti con le dichiarazioni che hanno preceduto il voto, non l’hanno sostenuto. Rimane dunque lo strappo all’interno del Pd, con la sindaca Daniela Toscano che dovrà tentare di ricucirlo per non avere problemi in aula quando arriveranno le nuove delibere post rimpasto di giunta. L’elezione di Nacci è un passo avanti nel confronto interno al centrosinistra ericino che ha vissuto, negli anni, sulla contrapposizione tra Pd e Psi, o meglio tra Giacomo Tranchida e Nino Oddo, ma non è la conferma di un’intesa. L’ha ribadito lo stesso Oddo: “Apprezzo il segnale politico positivo dato dal voto a favore di un componente della segreteria regionale del Psi da forze che, per anni, hanno professato nei nostri confronti una criminalizzazione sistematica. La interpreto come l’intenzione di mettere una pietra sopra le divisioni del passato”. Ed ancora: “Ma è indubbio che è solo la prima tappa di un percorso lungo e complesso di ricomposizione dell’unità a sinistra ad Erice. Rispetto al quale non intendo frapporre ostacoli ma, come ovvio, deve passare dallo stadio di un accordo consiliare fra singoli consiglieri a quello di un confronto articolato fra due comunità politiche. Altrimenti rischia di essere letto come un semplice accordo di potere”. Per il segretario regionale del Psi c’è poi un altro elemento fondamentale. L’accordo dovrà tradursi “in un’azione amministrativa più efficace rispetto a quella onestamente molto deludente messa in atto in questa prima fase di governo della città”. Alla prima votazione erano presenti tutti e 16 i consiglieri: 8 voti per Nacci, 2 per il consigliere grillino Alessandro Barracco, un voto per Alessandro Manuguerra, 2 schede bianche e 3 nulle.

Commenti

commenti