• Home »
  • Attualità »
  • ARS, ORDINE DEL GIORNO GRILLINO PER BIRGI. LA REGIONE DOVRA’ RICAPITALIZZARE AIRGEST

ARS, ORDINE DEL GIORNO GRILLINO PER BIRGI. LA REGIONE DOVRA’ RICAPITALIZZARE AIRGEST

La Regione non molla Birgi. Ed è pronta ad una nuova ricapitalizzazione. L’impegno è stato assunto in Aula con il via libera ad un ordine del giorno del Movimento Cinque Stelle. “Appena varata all’Ars la nostra proposta di ricapitalizzazione della società Airgest, Si tratta – sottolineano i deputati Valentina Palmeri e Sergio Tancredi – di un’azione indispensabile per rilanciare lo scalo e mitigare gli impatti negativi in ambito territoriale”.  I due parlamentari grillini avevano già sottolineato “la necessità di un intervento propedeutico e contestuale rispetto all’azione del governo regionale per l’avviamento di nuove rotte aeree, mediante la presentazione, prima dell’estate, di un sub-emendamento, bocciato però in Commissione Bilancio, che aveva come presupposto l’attuazione di un intervento finanziario di salvataggio e di risanamento della società, secondo la normativa vigente in materia di società a partecipazione pubblica e nel quadro della disciplina dell’Unione Europea in materia di aiuti di Stato”. L’ordine del giorno approvato dall’Ars ha ripreso il percorso del sub-emendamento. “La Regione Siciliana – ha aggiunto Palmeri -, in qualità di azionista di maggioranza, si è impegnata per il salvataggio e la ristrutturazione del gestore aeroportuale Airgest”. Il Movimento presenta i numeri della società di gestione dello scalo trapanee: ” L’Airgest è una società che registra una perdita al 31 dicembre 218 di 5 milioni e 148 mila euro, società che dovrebbe aver un capitale minimo per legge di circa 7 milioni e mezzo di euro, e che registra ogni anno circa 4 milioni ed 80 mila euro di spese di gestione. Si prevede una tale perdita anche per il 2019, dato che la stagione non è stata delle migliori”. I Cinque Stelle tornano sulla loro strategia: “Sono necessari, inoltre, l’adozione di un vero piano industriale e di un piano di risanamento da sottoporre all’Autorità di regolazione dei Trasporti. La ricapitalizzazione se non è accompagnata da un piano industriale di mercato finisce per consumare e sperperare risorse”. “L’aeroporto – ha concluso l’onorevole Palmeri – ha assoluto bisogno di un rilancio soprattutto considerando che rappresenta un punto di riferimento e un importante volano per lo sviluppo del territorio trapanese”.

Commenti

commenti