BIRGI, LA STRATEGIA DI OMBRA E’ VINCENTE. RYANAIR SCOMMETTE SULL’AEROPORTO

Salvatore Ombra porta a casa un risultato importante. Ryanair – nonostante tutto, fatture non evase da parte di alcuni Comuni nel vecchio co-marketing, la gara per le nuove tratte, un altro co-marketing, prima vinta a mani basse e poi bloccata per il ricorso al Tar di Alitalia, ricorso andato in porto, la crisi dei piccoli aeroporti come Birgi – è pronta a riaprire il dialogo con lo scalo trapanese. Il presidente di Airgest rimane sulle sue nella nota ufficiale – ed è anche comprensibile – ma riesce comunque a prospettare un cambio di linea nei rapporti con la compagnia irlandese: “Un incontro positivo che porterà risultati Ryanair vuole nuovamente scommettere su Trapani Birgi. Per oltre un’ora, abbiamo discusso di diversi temi e opportunità su ciò che loro possono fare per noi e noi per loro. Nella Winter 2020 ci saranno nuove rotte e con buone probabilità anche per la Summer Ryanair ne proporrà altre rispetto a quelle già annunciate”. All’incontro di oggi a Dublino era presente anche il direttore generale della società di gestione dello scalo trapanese Michele Bufo. Dall’altra parte del tavolo i vertici di Ryanair con David O’Brien e Gary Butler. Appena qualche giorno fa, prima dell’incontro, lo stesso Ombra aveva annunciato una prima apertura di credito di Ryanair con i voli per Bergamo, Bologna e Praga a partire dal prossimo 29 marzo. Ombra, fin dal suo insediamento alla presidenza dell’Airgest non ha mai nascosto di essere un fautore di un nuovo accordo con la compagnia irlandese. L’ha sempre ritenuta – e ci sono i dati storici a dimostrarlo – non soltanto affidabile ma in linea con i progetti di sviluppo di Birgi. Del resto, andando oltre la convegnistica ed il concorso d’idee, finora l’aeroporto ha centrato i suoi obiettivi soltanto quando è riuscito a trovare un’intesa con Ryanair. Il vertice terminato da poco potrebbe dunque essere l’avvio di un confronto sempre più serrato e soprattutto operativo, perché è quel che serve a Birgi.


Commenti

commenti