• Home »
  • Attualità »
  • TRAPANI, BILANCIO APPPROVATO. BONGIOVANNI: “DIBATTITO COSTRUTTIVO”. SAFINA LASCIA IL CONSIGLIO

TRAPANI, BILANCIO APPPROVATO. BONGIOVANNI: “DIBATTITO COSTRUTTIVO”. SAFINA LASCIA IL CONSIGLIO

“Oltre sei ore di dibattito costruttivo e senza polemiche pretestuose”. E’ il commento in presa diretta dell’assessore alle Finanze Fabio Bongiovanni, dopo il via libera al bilancio di previsione 2019 ed al pluriennnale 2019-2021. E’ stato approvato dall’aula con 18 voti favorevoli e 4 contrari (Gianformaggio, La Barbera e Cavallino). Strumento finanziario che non ha subito modifiche in aula perché i due emendamenti che sono stati discussi in aula, presentati dai quattro consiglieri che hanno poi votato contro sono stati bocciati. Avevano i pareri degli uffici negativi, ma anche dal punto di vista politico non sono riusciti a convincere i rappresentanti della maggioranza che hanno fatto sentire il peso dei loro voti. Si chiude così il capitolo bilancio di previsione ma c’è un nuovo impegno per l’aula che sarà chiamata ad affrontarlo nei prossimi giorni. E’ quello dell’approvazione del conto consuntivo 2018, fondamentale per liberare le risorse dell’avanzo di amministrazione e per pensare alle variazioni allo strumento finanziario. “Sono soddisfatto – ha concluso Bongiovanni – perché, seppure in ritardo, siamo riusciti ad approvare il bilancio prima degli altri anni. Ricordo quando fu approvato in pieno Natale”. Il bilancio ha portato anche a novità di carattere politico. Dario Safina ha infatti annunciato di lasciare la carica consiliare per concentrarsi esclusivamente nell’azione di governo dopo la sua nomina ad assessore. E’ una richiesta che il sindaco Giacomo Tranchida ha rivolto a tutti gli assessori – consiglieri e che ha indicato come punto di riferimento per le sue liste. Safina ha così fatto la sua parte. Assessore-consigliere delle liste tranchidiane è anche Enzo Abbruscato, mentre Peppe La Porta (“Amo Trapani”) ha declinato l’invito. La sua lista non fa parte della pattuglia del sindaco ma si riconosce nel presidente del consiglio Giuseppe Guaiana. Al posto di Safina, un altro Guaiana. Enzo Guaiana era rimasto fuori dal consiglio per un solo voto di preferenza rispetto alla consigliera Passalacqua.

Commenti

commenti