• Home »
  • Attualità »
  • TRAPANI, IN SPIAGGIA NON SI FUMA PIU’. LA MOZIONE LIPARI E L’ORDINANZA DI TRANCHIDA

TRAPANI, IN SPIAGGIA NON SI FUMA PIU’. LA MOZIONE LIPARI E L’ORDINANZA DI TRANCHIDA

Carta canta! Il consigliere Giuseppe Lipari è soddisfatto ma polemico. Lui, l’idea l’aveva avuta già qualche tempo fa. Precisamente lo scorso 10 luglio quando ha deciso di presentare una mozione: “Per la tutela del decoro, vivibilità ed igiene ambientale e della pubblica salute ed incolumità. Istituzione di aree attrezzate e divieto di fumo e abbandono di rifiuti di prodotti da fumo sulle spiagge del territorio comunale”. Idea condivisa e mozione firmata anche dai colleghi consiglieri Virzì, Daidone, Greco, La Barbera, Peralta, Trapani e Toscano Pecorella. Mozione dunque “traversale” che però non è mai stata discussa in aula e che il sindaco Giacomo Tranchida ha “superato” con una ordinanza. “Saltando – scrive Lipari – il passaggio democratico della discussione in aula”. Per il consigliere se non si tratta di una “scorrettezza” politica poco ci manca. Sta di fatto che dal prossimo primo agosto scatterà il divieto di fumo in tutte le spiagge del territorio comunale. “Si tratta – ha rimarcato Lipari – di una grande passo avanti per Trapani in termini di civiltà sia per la tutela del decoro urbano, ed in particolare delle spiagge, sia per la salvaguardia della salute dei cittadini.La nostra libertà finisce dove comincia quella degli altri”. Il consigliere, tuttavia, non dimentica la controparte: “Cionondimeno i fumatori non meritano di essere discriminati o <ripudiati> e pertanto auspico che questa amministrazione possa tutelare anche la loro posizione attraverso la celere individuazione delle aree, poste fuori o ai margini della spiaggia a libera fruizione, da adibire a zona fumatori con apposizione di appositi posacenere. Diversamente si rischierebbe di trasformare una semplice e condivisa regola di civiltà in arbitrio e vessazione ai danni dei fumatori”. Finale ancora polemico, quello di Lipari, che si augura la stessa solerzia, da parte dell’amministrazione, per affrontare altri problemi ed altre questioni aperte che riguardano la città.

Commenti

commenti