ERICE, L’EX ASSESSORE CATALANO TORNA LIBERO

Dovrà abituarsi alla curiosità della gente. Il suo arresto – ai domiciliari -, lo scorso mese di febbraio finì in prima pagina. L’accusa di concussione ed abuso d’ufficio ha fatto tremare il Comune di Erice. L’architetto Angelo Catalano è tornato in libertà. Rimane indagato, assieme ad altre con cinque persone, ma libero. Le scelte della magistratura ed i tempi dei “domiciliari” hanno innescato una serie di indiscrezioni, anche qualche fake news, che annunciava sviluppi clamorosi dell’inchiesta che, invece, finora è rimasta circoscritta alle accuse rivolte a Catalano. La curiosità della gente è dunque conseguenziale e lo sta accompagnando anche in questa fase. Facile dunque essere al centro dell’attenzione, pure quando si fa il ticket per il parcheggio a pagamento.

Commenti

commenti