• Home »
  • Attualità »
  • TRAPANI, SCRITTA CANCELLATA DAL MURALES. UN GIOVANE DEFERITO ALL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA MINORILE

TRAPANI, SCRITTA CANCELLATA DAL MURALES. UN GIOVANE DEFERITO ALL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA MINORILE

Individuato e preso l’imbrattatore del murales di Via Terenzio, dedicato a Francesca Morvillo, moglie del giudice Falcone, entrambi morti, assieme alla scorta nella strage di Capaci. I Carabinieri hanno denunciato a piede libero un minorenne, segnalato all’autorità giudiziaria minorile di Palermo. Il reato contestato è “deturpamento o imbrattamento di cose altrui”. La famiglie della zona ed i docenti della scuola “Pertini” hanno già ripulito il murales dalla scritta oltraggiosa che puntava a sminuirne il valore sociale e morale dell’opera. Scritta oltraggiosa rimossa a pochi giorni dalle celebrazioni del 23 e 24 maggio che onoreranno e ricorderanno la strage del 1992 ed il sacrificio di Falcone nella lotta alla mafia. L’intervento dei Carabinieri è stato tempestivo e concreto ed ha contribuito a ripristinare una condizione di normalità in un quartiere, quello del Rione Palme che, da anni, con varie iniziative degli stessi abitanti, come lo stesso murales, sta puntando all’affermazione dei principi di legalità e di rispetto delle istituzioni.

Commenti

commenti