“OPERAZIONE SCRIGNO”, L’EX CONSIGLIERE MALTESE TORNA LIBERO

Torna in libertà l’ex consigliere comunale di Erice Giovanni Maltese, coinvolto ed arrestato nell’ambito dell’operazione antimafia “Scrigno”. Il Tribunale del riesame ha accolto le ragioni della sua difesa consentendogli di tornare libero anche se indagato. Maltese ha affidato la sua difesa agli avvocati Umberto Coppola ed Alberto Mazzeo. Prima di Maltese era tornata in libertà anche l’ex candidata alle Regionali dell’Udc Ivana Inferrera, chiamata in causa, assieme al marito Ninni D’Aguanno per una presenta compravendita di voti. La Inferrera ha chiesto subito di poter essere ascoltata dai magistrati e non si è avvalsa della facoltà di non rispondere subito dopo gli arresti che hanno portato in carcere, tra gli altri, l’ex deputato regionale del Pd Paolo Ruggirello. Assistita dall’avvocato Donatella Buscaino è tornata in libertà dopo il provvedimento del Tribunale del Riesame. Stesso provvedimento anche per Mimì La Russa, difeso dall’avvocato Vito Galluffo. Le tesi difensive hanno così avuto un riscontro concreto che consentirà ai tre indagati di poter affermare le loro ragioni se e quando ci sarà un processo senza restrizioni della libertà personale.

Commenti

commenti