TRAPANI, TRASPORTO DISABILI. AL COMUNE SI CAMBIA

Il trasporto dei disabili in capo al Comune di Trapani cambia verso. C’è una delibera di giunta a definire i nuovi confini dell’azione amministrativa. L’atto approvato a Palazzo D’Alì rimanda ad una stretta collaborazione tra il Comune e le associazioni di volontariato e quelle no profit che hanno mezzi e progetti a disposizione per il servizio di trasporto dei diversamente abili. Fino al prossimo 18 marzo le associazioni interessate potranno presentare le domande per entrare a far parte dell’Albo Comunale di settore. Quelle ammesse potranno stipulare una convenzione con il Comune per fornire il servizio. A carico dell’amministrazione: spese carburante, spese assicurative e tutte le spese che l’associazioni saranno in grado di documentare e rendicontare. Per il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida ““si tratta di un ulteriore passo avanti per contrastare i processi di emarginazione sociale, rimuovere gli ostacoli di ordine sociale e culturale che impediscono un libero e consapevole uso dei servizi da parte dei cittadini, promuovendo e sviluppando nuove forme di gestione di servizi sociali”. Soddisfatto anche l’assessore Enzo Abbruscato: “Questa delibera ci consente, con minime spese e con la collaborazione delle associazioni no profit, di migliorare la qualità della vita di molti nostri concittadini affetti da patologie gravi, che spesso non dispongono delle necessarie risorse economiche per il trasporto verso i centri sanitari, non sempre presenti in città”.

Commenti

commenti