• Home »
  • Sport »
  • TRAPANI-CAVESE 2-2, I GRANATA RIMONTANO MA SI FANNO RIPRENDERE

TRAPANI-CAVESE 2-2, I GRANATA RIMONTANO MA SI FANNO RIPRENDERE

Trapani-Cavese 2-2
Reti: Tumbarello (C) 13′, Tulli (T) 62′, Taugordeau (T) (rig.) 76′, Bacchetti (C) 84′

Trapani: Dini, Costa Ferreira, Scognamillo (Toscano 51′), Pagliarulo, Lomolino (Franco 66′), Corapi (Girasole 85′), Taugordeau, Aloi, Ferretti, Evacuo, Tulli. A disposizione: Cavalli, Ferrara, Da Silva, Mule’, D’Angelo, Scrugli, Mastaj, Valenti. All. Italiano

Cavese: De Brasi, Silvestri, Migliorini, Rosafio, Fella (Favasuli 58′), Bacchetti, Tumbarello (Heatley 70′), Lia (Bruno 36′), Pugliese (Logoluso 70′), Ferrara, Sainz-Maza (Magrassi 46′). A disposizione: Trapani, Manetta, De Rosa, Buda, Agate, Nunziante, Castagna. All. Modica

Arbitro: Cristian Cudini di Fermo;

assistenti: Andrea Zaninetti di Voghera e Pietro Lattanzi di Milano

Note: Ammoniti Pagliarulo, Ferrara, Migliorini, Bruno.
Calci d’angolo: 7-2.
Spettatori: 2.802
Recuperi: 3′ pt; 4′ st.

Il Trapani va sotto, recupera, pass in vantaggio ma non riesce a gestirlo e deve accontentarsi di un solo punto. Delusione granata a fine partita, ma nel calcio ci sta ed ancora di più ci sta quando la partita viene condizionata da fattori esterni. Uno in particolare, il vento. La squadra di mister Italiano ha giocato male, nel primo tempo, perché non ha trovato la strada giusta per evitare gli effetti delle folate che si sono abbattute sul Provinciale. Al calcio d’inizio i granata hanno preferito giocare contro vento, ma hanno scelto la via del lancio lungo che è stato spesso penalizzato. Anche giocare palla a terra non era facile perchè la Cavese pressava ed il Trapani non riusciva ad utilizzare bene una delle sue armi, la sfida sulle fasce. La prima palla indirizzata verso la rete è della Cavese. E’ il 13′, Rosafio aggancia la palla sulla treqarti destra, calibra un cross in area, arriva Tumbarello in corsa e mette la palla in rete. Un tiro ed un gol. Cavese più fortunata che cinica. Il Trapani accusa il colpo ma prova a reagire. Al 29′ un tiro di Taugourdeau finisce alto sulla traversa. Al 37′ cross di Tulli ma Evacuo viene anticipato a botta sicura. Tra le variabili indipendenti della gara che l’arbitro Cristian Cudini di Fermo, che ha mostrato una sua personalissima visione del calcio. Falli a ripetizione della Cavese mai sanzionati con un’ammonizione salvo che per Pagliarulo al suo primo fallo di gara verso la fine del primo tempo. Parte finale della gara che registra anche un calcio di rigore solare su Aloi, asfaltato in area di rigore ed un altro sospetto su un tiro di Evacuo. Tre minuti di recupero e poi tutti negli spogliatoi. La seconda parte della gara mostra un Trapani più aggressivo e con il vento a favore. Al 3′ Tulli si libera al limite dell’area ma il suo tiro viene respinto da De Brasi. Al ‘ mister Italiano sostituisce Scognamillo con Toscano ed arretra Taugourdeu a centrale difensivo. All’16 il pareggio granata. Evacuo difende palla e la gira per Tulli che entra in area e fa partire un sinistro non irresistibile ma che diventa un problema per De Brasi che devia la palla ma non riesce a spostarla dallo specchio della porta. E’ il pareggio granata. Al 19′ un sinistro di Costa Ferreira dà l’illusione ottica del gol ma la palla si spegne sul fondo. Al 20′ mister Italiano sostituisce Lomolino con Franco, prima Toscano aveva preso il posto di Scognamillo. E Toscano ci prova dalla distanza ma la palla esce. Qualche minuto dopo quella che poteva essere la svolta della partita. Tulli va giù in area strattonato da un difensore e l’arbitro concede il calcio di rigore. Se ne incarica Taugordeau ed è gol. Trapani in vantaggio e con i tre punti in tasca. Mall’84’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la difesa granata si fa una bella dormita generale e Bacchetti non può che girarsi e mettere la palla in rete. La Cavese ringrazia e non si fa sfuggire l’occasione per il pareggio. Al 43′ ospiti rischiano di passare in vantaggio con Migliorini che calcia bene ma Dini ci mette una mano e riesce salvare il risultato. Una sconfitta sarebbe stata pià di una beffa.

Commenti

commenti