TRAPANI, COMUNE PARTE CIVILE NEL PROCESSO CONTRO CANNIZZARO

Il processo contro Giorgio Cannizzaro comincerà domani ed il Comune di Trapani ha deciso di costituirsi parte civile. Nel mese di agosto dell’anno scorso un blitz dei carabinieri di Paceco nell’abitazione dell’uomo portò alla sua denuncia per la presenza di 36 cani che vivevano in condizioni insostenibili. L’immobile di Via Baviera, in contrada Serro, era la comune abitazione di Cannizzaro e dei cani. L’intervento dell’ASP e le verifiche sul campo hanno obbligato il Comune a fare la sua parte trasferendo gli animali nella struttura “Mister Dog” di Torre del Pero-Rocca di Neto nel crotonese. Un trasferimento con un costo di 3.300 euro al mese per l’amministrazione comunale. Nello scorso mese di novembre la Procura della Repubblica ha deciso di citare in giudizio Cannizzaro. Il Comune, da parte sua aveva già comunicato all’uomo di addebitargli le spese per la cura dei cani. Con l’avvio del processo l’amministrazione Tranchida ha dato il via libera al sindaco di costituirsi parte civile, il Comune è parte offesa. I cani vennero trovati senza acqua e cibo. Alcuni riuscirono a scappare, altri sono morti ed il resto è stato portato nella struttura “Mister Dog”.

Commenti

commenti