PARTANNA, LA SFIDA DI CRINELLI AL SINDACO USCENTE CATANIA

Facebook

19 Aprile 2018

Il candidato sindaco di “Cambia Partanna” Francesco Crinelli comincia dall’acqua. Parte da un dato che si fa sempre più concreto: la gestione diretta della rete idrica dovrebbe passare presto ai Comuni. Una novità sostanziale che porterà le amministrazioni a dover definire una nuova organizzazione degli uffici e delle risorse finanziarie. L’acqua costa e spesso costa anche cara. Ed è di questo che il candidato sindaco Crinelli intende parlare nell’assemblea che si terrà sabato prossimo alle 18, nel gazebo della Cremeria d’Italia, in Piazza Falcone e Borsellino. Bollette, costi ed investimenti al centro del confronto che potrà contare anche sulla partecipazione dell’avvocato Giuseppe Accardo, esperto in materia di ricorsi e di tariffazione. Ad introdurre i lavori il componente del direttivo “Partanna Cambia” Davide Traina. Per il candidato sindaco Crinelli “È giunto il momento di un cambio di prospettiva. È giunto il momento di guardare oltre. È giunto il momento di Cambiare Partanna”. A non voler cambiare perché ci andrebbe di mezzo lui, in prima persona, è il sindaco Nicola Catania che ha deciso di ricandidarsi. Punta sul lavoro svolto durante i suoi cinque anni di amministrazione garantendo una ulteriore fase di rilancio delle quotazioni della città. Catania è anche alle prese con la lista. Si vota con il sistema maggioritario e la nuova assemblea sarà di 16 consiglieri comunali. Nelle parole del candidato sindaco Crinelli il tema di una campagna elettorale che si annuncia lunga e senza esclusione di colpi: “Per noi è assolutamente inaccettabile un progetto che guardi solo all’oggi senza preoccuparsi di ciò che accadrà o potrebbe accadere domani. Se la nostra controparte afferma di vantare esperienza e competenza, noi diciamo che quello che manca e che è mancato è soprattutto la progettualità, la lungimiranza”. Crinelli è andato giù duro sull’amministrazione Catania: “Agricoltura, commercio, artigianato, turismo: sfido chiunque ad indicarmi un settore che oggi navighi in buone acque o che comunque si trovi in condizioni migliori rispetto a cinque anni fa”.


				

Notizie Correlate