• Home »
  • Attualità »
  • TRAPANI, FAZIO RIMANE SENZA PASSAPORTO. BRILLANTE (PD): “DOVREBBE RISPETTARE LA CITTA’ CON IL SILENZIO”

TRAPANI, FAZIO RIMANE SENZA PASSAPORTO. BRILLANTE (PD): “DOVREBBE RISPETTARE LA CITTA’ CON IL SILENZIO”

Il passaporto dell’ex sindaco di Trapani Mimmo Fazio rimane in Questura. Il GIP di Trapani Caterina Brignone ha detto no alle ragioni dei legali dell’ex parlamentare che chiedevano la revoca del provvedimento. Fazio non può dunque espatriare. Per la Procura c’era un pericolo di fuga, in Nord Africa, che andava bloccato. Da qui la richiesta del ritiro del passaporto che è stata vagliata positivamente ed ora confermata dal GIP. Dunque, a poco più di tre mesi dall’arresto (19 maggio), con le accuse di corruzione e traffico d’influenze. Dopo essere tornato in libertà in campagna elettorale – Fazio coinvolto nell’operazione “Mare Monstrum” era stato posto ai “domiciliari” – ed ancora dopo la richiesta della Procura di riportarlo agli arresti domiciliari, condivisa dal Tribunale del Riesame ed ancora oggetto di esame da parte della Cassazione, in piena estate, avrebbe progettato di lasciare l’Italia per raggiungere la Tunisia. Decisione che avrebbe maturato prima di qualsiasi provvedimento della magistratura. Al momento Fazio è un indagato. Non c’è stata la notifica della chiusura delle indagini e neanche l’eventuale rinvio a giudizio. L’ex sindaco in una sua lunga nota aveva dato la sua versione dei fatti sul viaggio in Tunisia. Notizia, quella della conferma del ritiro del passaporto che ha aperto una nuova polemica a distanza. Durissimo il post su Facebook del segretario del Pd di Trapani Francesco Brillante: “Giusto qualche giorno l’indagato Fazio aveva scritto una lettera dove autodichiarava le sue <<prove incontrovertibili>> e continuava a sproloquiare contro la Procura, contro innominati manovratori, contro anche chi si è limitato ad esprimere le sue opinioni come Pietro Savona. La presunzione di innocenza va sempre riconosciuta, ma la vera offesa alla dignità di una intera città è l’irrefrenabile logorrea che gli impone di inondarci di parole, quando l’unico segno di tangibile rispetto sarebbe il silenzio (stampa).  Questo è da vergogna. Il resto sarà giustizia.

Commenti

commenti