MARSALA, COLPISCE UN CARROZZIERE CON UNA MANNAIA, HA UN INCIDENTE ED ORA E’ IN CARCERE

Facebook

11 Agosto 2017

Voleva gonfiate le ruote dello scooter, ma il compressore dell’autocarrozzeria di Santo Padre delle Perriere non funzionava. Se n’era andato, ma poi, ripensadoci, era tornato in officina per punire il carrozziere. Lo scorso 11 luglio s’è sfiorata la tragedia perché l’aggressore ha tentato di colpirlo con una mannaia. Solo la prontezza di riflessi della vittima gli ha consentito di ridurre il danno con una ferita al braccio proteso per proteggersi il capo. L’aggressore, per le forze dell’ordine è il tunisino senza fissa dimora Mohamed C’ocri, ha fatto perdere le sue tracce mentre i carabinieri di Marsala e Petrosino intervenivano sul posto. Ma la sua fuga è stata breve perché il giorno dopo il tunisino, 34enne, ha avuto un grave incidente stradale. E’ caduto dallo scooter ed è stato trasportato, in prognosi riservata, all’ospedale Villa Sofia di Palermo. Le testimonianze e le indagini dei carabinieri erano risalite a lui subito dopo l’aggressione. Il tunisino, ricoverato, è stato tenuto sotto controllo durante la sua degenza al Trauma Center”. Lo scorso 3 agosto la Procura della Repubblica di Marsala ha emesso un fermo perché il tunisino stava per uscire dall’ospedale avrebbe potuto tentare nuovamente la fuga. Lo stesso giorno i carabinieri di Marsala hanno bloccato C’ocri quando stava per lasciare Villa Sofia. Aveva firmato le dimissioni anche se il parere dei medici era contrario. Dopo le formalità di rito e l’interrogatorio di garanzia del GIP del Tribunale di Marsala è passato da Villa Sofia al carcere di San Giuliano con l’accusa pesante di tentato omicidio.

 

 

 

 

 

 

 

Notizie Correlate