EMERGENZA RIFIUTI, PRESIDENTE SPEZIA: “CONVOCO I SINDACI. LA DISCARICA DI TRAPANI STA PER CHIUDERE”

2 Agosto 2017

“E’ necessario fare il punto della situazione perché c’è il rischio concreto di un’emergenza rifiuti in pieno mese di agosto”. Il presidente della SRR “Trapani Nord” e sindaco di Valderice Mino Spezia ha convocato per domani tutti i sindaci che fanno parte della società: Alcamo, Buseto Palizzolo, Calatafimi-Segesta, Castellammare del Golfo, Custonaci, Erice, Favignana, Marsala, Paceco, Pantelleria, San Vito Lo Capo, Trapani e Valderice, oltre al Consorzio Comunale di Trapani. “Il prossimo 14 agosto – ha sottolineato Spezia – la discarica di contrada Borranea chiude perché non può più ricevere rifiuti. Bene, anzi, male! Ma non c’è ancora un piano alternativo concreto ed operativo che prenda atto di questo dato”. La discarica del Comune di Trapani è gestita dalla “Trapani Servizi”. La società ha presentato una variante alla Regione per una nuova vasca. Ma i tempi tecnici ed il confronto tra la società e la Regione sul contenuto della variante sono chiaramente fuori dalla portata del rischio emergenza rifiuti. La Regione ha invitato la società – soluzione indicata anche ad altre discariche – a trovare un accordo con altri impianti per il trasferimento della frazione secca dei rifiuti, dando dunque qualche mese in più di conferimento in discarica. Un contratto di diritto privato tra società che consentirebbe ai Comuni di evitare di ritrovarsi con la spazzatura per strada magari con 40 gradi all’ombra, viste le attuali previsioni metereologiche ed il periodo estivo. Soluzione rimasta finora soltanto sulla carta e che ha però dovuto registrare un primo stop da parte della discarica di Siculiana – gestita da privati – che ha fatto sapere di non essere in condizione di ricevere la frazione secca di altri Comuni. Un piano B della Regione consentirebbe alla discarica di Trapani d’intervenire sulle quote di riempimento allungando la “vita” del conferimento nell’impianto e con la possibilità di fare sintesi con altre discariche. La SRR “Trapani Nord” rimane in attesa delle scelte della Regione che avrebbe dovuto convocare i suoi vertici. “Siamo in pieno conto alla rovescia – ha concluso Spezia – ed i Comuni hanno il diritto di sapere quale sarà l’esito di un’emergenza annunciata ma finora no risolta. E’ il momento dell’assunzione delle responsabilità”.