• Home »
  • Attualità »
  • CHIUSURA INDAGINI PER IL VESCOVO DI MAZARA: TRUFFA ED APPROPRIAZIONE INDEBITA LE ACCUSE CONTRO MOGAVERO

CHIUSURA INDAGINI PER IL VESCOVO DI MAZARA: TRUFFA ED APPROPRIAZIONE INDEBITA LE ACCUSE CONTRO MOGAVERO

Indagini concluse e rinvio a giudizio sempre più vicino per il Vescovo di Mazara del Vallo Domenico Mogavero, accusato di truffa ed appropriazione indebita. L’avviso di conclusione delle indagini ha raggiunto anche altre sei persone. Gli avvocati Stefano Pellegrino e Nino Caleca hanno inviato una nota alla stampa di chiarimento. In premessa hanno annunciato che chiederanno “un interrogazione del Vescovo per chiarire quanto oggi viene contestato dalla Procura di Marsala”. “La prima vicenda  – spiegano i legali – ha avuto inizio con la richiesta e l’ottenimento dei finanziamenti alla Regione Siciliana e alla Cei da parte del Vescovo Calogero La Piana. I fatti risalgono al 2005, allorquando la Regione Siciliana concesse il contributo di 1.363.415 euro e, nel febbraio 2007, la Diocesi ottenne il finanziamento di 1.474.000 euro da parte della Conferenza Episcopale Italiana per la realizzazione del complesso parrocchiale San Lorenzo a Mazara del Vallo. In particolare, secondo l’accusa, il Vescovo La Piana prima e, successivamente, nel corso della realizzazione dell’opera, il Vescovo Mogavero, non avrebbero comunicato alla Cei il contemporaneo finanziamento della Regione. Ancora, secondo l’accusa, tutto ciò avrebbe determinato la sospensione, o comunque la riduzione, dell’importo finanziato. Però la Cei non è stata mai tratta in inganno perché, anche se fosse stata portata a conoscenza del contestuae contributo regionale, avrebbe ugualmente concesso l’ulteriore finanziamento. Peraltro, la stessa Procura da atto, per averlo accertato, che nessuna somma è stata oggetto di appropriazione da parte del Vescovo Mogavero o degli altri indagati, dato che tutte le somme erogate, sia quelle regionali che della Cei, sono state impiegate regolarmente nella realizzazione dell’opera”. Pellegrino e Caleca affrontano anche l’altra accusa: “Il reato di appropriazione indebita, invece, viene contestato perché il Vescovo si sarebbe appropriato di 185 mila 600 euro, vicenda per la quale già in una prima fase sono stati prodotti documenti e relazioni a difesa , in particolare, in relazione alla vicenda meno chiara relativa a un bonifico di 100 mila euro, del quale il Vescovo contabilmente sarebbe stato il beneficiario. E’ stato provato, accertato e documentato tramite il codice Iban che il suddetto bonifico risulta addebitato sul conto diocesano acceso presso la Banca Prossima e accreditato regolarmente a Ernesto La Magna,  artista che ha realizzato le opere sacre nella nuova chiesa madre di Pantelleria, sul conto corrente dallo stesso aperto presso la Banca Monte Paschi di Siena, e non su quello del Vescovo come dice l’accusa, quale acconto per le spettanze dovute per le opere realizzate per la Chiesa di Pantelleria. Si è trattato di un mero errore di redazione della scrittura contabile effettuata da altri». I due avvocati tengono a precisare che “è risultato provato, accertato e documentato da una relazione dettagliatissima che mai il Vescovo si sia appropriato o abbia sottratto, a qualsiasi titolo, alcuna somma di denaro o di altre utilità”.

Commenti

commenti