TRAPANI, LA GIUNTA DAMIANO “ALLEGERISCE” LA TRAPANI SERVIZI. RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI A BANDO

Facebook

24 Marzo 2017

Rivoluzione a Palazzo e che rivoluzione! L’amministrazione del sindaco di Trapani Vito Damiano ha deciso un’autentica svolta nella gestione del sistema dei rifiuti. Con la modifica del piano d’intervento, approvata dalla giunta, la “Trapani Servizi”, società del Comune, perde il suo ruolo di gestore della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti. Finora l’ha svolto in regime di “monopolio”. L’amministrazione Damiano ha invece scelto di entrare a pieno regime nella SRR “Trapani Nord” e nell’atto deliberativo il percorso è ben delineato: “Ratificare la decisione d’inserire il Comune di Trapani nelle procedure di gara per l’individuazione del miglior contraente tra quelli regolarmente abilitati all’espletamento dei servizi individuati negli elaborati progettuali”. Gli elaborati in sintesi: raccolta indifferenziata e differenziata dei rifiuti. La “Trapani Servizi” perde così buona parte della sua ragione sociale. Raccolta e smaltimento, attraverso la SRR, verranno posti a bando, con il sistema del miglior offerente nel settore. Non sarà più la “Trapani Servizi” ad occuparsi della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti della città di Trapani. Nessun problema per i suoi dipendenti. Nella nota che annuncia la svolta l’amministrazione Damiano sottolinea che “tutta la forza lavoro in atto alle dipendenze della Trapani Servizi continuerà a mantenere il proprio posto di lavoro ma in forza ad altro contraente che sarà individuato dalla SRR a seguito di gara ad evidenza pubblica. Tanto si può assicurare atteso che lo garantiscono le norme contrattuali a tutela dei lavoratori del settore ecologia”. L’amministrazione Damiano vorrebbe limitare l’attività della “Trapani Servizi” soltanto allo svolgimento “di tutte le attività correlabili alla pulizia ed igiene della città, ivi compreso il mantenimento della tecnologia operante nello stabilimento di Contrada Belvedere e nella discarica di contrada Borranea”. Una decisione, quella dell’amministrazione Damiano, che farà salire la tensione politica e sindacale.

Notizie Correlate