TRAPANI, SAVONA: “MI CANDIDO A SINDACO E NON A VICESINDACO”

Facebook

25 Giugno 2016

“Io mi candido a sindaco di Trapani e non a vicesindaco di questa città. Se qualcuno lavora per questo secondo obiettivo sappia che io non sarei disponibile a farlo, non per spocchia, ma perché ho un progetto politico”. Pietro Savona ha messo in moto la “Officina delle Idee”. Oggi il primo incontro in Via San Giovanni Bosco. “Qui – ha sottolineato Savona – c’era il comitato elettorale di Pamela Orrù ed ha portato fortuna. Ma questo non sarà un comitato elettorale, ma un luogo di confronto. Sarò qui nel pomeriggio per ascoltare, per parlare con i miei concittadini”. L’ex consigliere ha anche in programma “cento incontri, tra luglio ed agosto. Assieme a chi mi sostiene intendo incontrare tutti, parlare dei problemi di questa città e trovare le soluzioni. Per me non ci saranno vacanze. Invito i miei amici e sostenitori ad organizzare momenti d’incontro e di discussione in tutta la città”. La precisazione polemica sulla natura della sua candidatura, “a sindaco e non a vicesindaco”, consente a Savona di porre il problema delle alleanze: “Nel mio partito c’è chi pensa che si possa andare avanti mettendo assieme 4-5 sigle politiche o pensando ad alleanze con pezzi di ceto politico. Non è più così. La vittoria dei grillini dovrebbe dirci qualcosa in merito. Io, su questo punto, voglio essere chiaro. Sono pronto ad allearmi con tutti quelli che condividono lo stesso modello di società. Le alleanze si costruiscono sulle cose da fare, confrontandosi con la gente e noi lo possiamo fare a testa alta perché non abbiamo nulla di cui vergognarci. Faremo soltanto accordi alla luce del sole”. Il primo incontro nell’Officina sarà dedicato “alla cultura. In questa città si può fare cultura di qualità ma non accade più da diversi anni. La gente non si identifica più con la città”. La lista civica che accompagnerà la candidatura di Savona, che al momento è candidato alle primarie – non si sa ancora se del Pd o di coalizione – con Enzo Abbruscato e Dario Safina, potrebbe chiamarsi “Trapani Svegliati”. Ma lo stesso Savona ha voluto precisare che “si tratta ancora di una proposta e che è oggetto di discussione. Troveremo una soluzione tutti assieme perché io, in questo come in altre cose, intendo condividere le scelte. Da solo non andrei da nessuna parte. Alla prima della “Officina” c’era un’ampia rappresentanza dello stato maggiore del Pd trapanese: l’assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi, la senatrice Pamela Orrù, il presidente dell’assemblea provinciale del partito Christian Emmola, il consigliere comunale Nino Grignano, il segretario cittadino Francesco Brillante ed il sindaco di Salemi Domenico Venuti, la dirigente del Pd ericino Valentina Villabuona. Presenti anche Franco Todaro, “plenipotenziario” dell’onorevole Paolo Ruggirello, gli ex sindaci di Trapani Mario Buscaino ed Enzo Augugliaro, il presidente del consiglio comunale di Erice Ninni Romano ed il presidente della FuniErice Franco Palermo.

Notizie Correlate