ACCORDO DI CO-MARKETING, OLTRE UN MILIONE E MEZZO DI EURO ANCORA DA VERSARE PER BIRGI

Facebook

5 Febbraio 2016

I numeri, come sempre, sono più chiari di tante parole e dichiarazioni e sull’accordo di co-marketing per l’aeroporto di Birgi di parole e dichiarazioni ne sono state spese davvero tante, spesso in maniera infruttuosa. La lista dei pagamenti che l’assemblea dei soci ha registrato ieri mattina dice quanto segue: l’accordo, Iva compresa (22%) porta la somma annuale da versare alla società “AMS” ad essere di 2.714.500 euro. Si tratta dell’anno 2015. Siamo nel 2016 ed i Comuni devono ancora versare 1.031.250 euro. Nell’accordo di co-marketing rientra anche la Camera di Commercio che è l’unico ente ad avere rispettato gli impegni per il 2015 avendo versato 366.000 euro (quota di 300.000 euro e 66.000 euro di Iva). Il Comune di Trapani, stessa quota della Camera di Commercio deve versare soltanto l’Iva. Più indietro il Comune di Marsala. La quota è sempre di 300.000 euro. Finora l’amministrazione comunale ha versato 225.000 euro. Deve ancora trasferire 141.000 euro nel conto gestito dall’ente camerale per nome e per conto dell’assemblea dei sindaci. Il Comune di Castelvetrano ha versato 35.000 euro. Mancano all’appello 160.200 euro. Il Comune di San Vito Lo Capo ha versato 120.000 euro. Ne deve ancora versare 75.200 euro. Il Comune di Favignana deve ancora versare 115.200 euro. Ha finora trasferito nel conto 80.000 euro. Stessa condizione per i Comuni di Castellammare del Golfo ed Erice. Hanno versato 90.000 euro. Devono ancora versare 56.400 euro. Il Comune di Mazara del Vallo ha completato la sua quota, 120.000 euro. Deve soltanto pagare l’Iva, pari a 26.400 euro. Il Comune di Valderice ha pagato 20.000 euro, deve ancora versare 89.800 euro. Il Comune di Alcamo ha pagato l’intera quota di 60.000 euro. Deve ancora versare l’Iva, pari a 13.200 euro. Il Comune di Custonaci si è fermato a 18.750 euro. Per completare la sua quota, compresa l’Iva, deve versare 36.150 euro. Il Comune di Petrosino ha versato 15.000 euro. Deve ancora pagare 39.900 euro per rispettare l’accordo. Il Comune di Calatafimi-Segesta ha versato l’intera quota di 30.000 euro. Manca l’Iva pari a 6.600 euro. Ha fatto un grande balzo in avanti il Comune di Campobello di Mazara che era stato tra i più ritardatari nel pagamento della quota. L’amministrazione Castiglione ha versato 31.000 euro. Ha così pagato la sua quota di 30.000 euro oltre a 1.000 euro che vanno a ridurre l’Iva da versare a 5.600 euro. Solo l’Iva da pagare per il Comune di Paceco. Ha versato 30.000 euro deve ancora aggiungere 6.600 euro. Il Comune di Pantelleria continua a manifestare il suo dissenso nei confronti dell’accordo di co-marketing. Non ha versato un solo euro. La sua quota compresa l’Iva è di 36.600 euro. Il Comune di Salemi ha versato 22.500 euro. Deve ancora trasferire nel conto 14.100 euro. Il Comune di Buseto Palizzolo ha versato 10.000 euro. Ha ancora 14.400 euro da pagare. Il Comune di Gibellina è nella stessa condizione di Pantelleria. Non ha ancora versato nulla. Avrebbe dovuto versare 24,400 euro. Il Comune di Partanna ha pagato la quota di 20.000 euro. Deve ancora versare l’Iva pari a 4.400 euro. Nessun euro versato da parte dei Comuni di Santa Ninfa (24.400 euro), Vita (6.100 euro), Salaparuta (6.100) e Poggioreale (6.100 euro). C’è da aggiungere che l’accordo del 2014 non è stato rispettato per intero. S0no stati versati 2.172.000 euro. Mancano all’appello alcune quote e l’Iva per intero, in tutto 542.500 euro.

Notizie Correlate