PALLACANESTRO TRAPANI SI ARRENDE A SCAFATI DOPO UNA GRANDE GARA

31 Gennaio 2016

Pallacanestro Trapani–Scafati 74-77 (14-17; 36-37; 55-52)
Pallacanestro Trapani: Mays 15, Renzi 18, Tommasini 12, Gloria 2, Chessa 19, Molteni, Viglianisi 8, Costadura ne, Fontana ne, Pollina ne. All. Ducarello.
Scafati: Portannese 14, Crow 6, Spizzichini 4, Rezzano 9, Baldassarre 13, Ammannato 4, Mayo 24, Loschi 3, Simmons ne, Di Palma ne. All. Perdichizzi.

Arbitri: Martino Galasso di Siena (SI), Giulio Pepponi di Spello (PG) e Alessio Dionisi di Fabriano (AN).

Spettatori: 2.602

Non si possono “regalare” tre pedine fondamentali come Griffin, Ganeto e Filloy alla capolista Scafati. Alla fine il parquet ti presenta il conto ed è quello che è accaduto questo pomeriggio al PalaConad. La Pallacanestro Trapani ha fatto tutto quel che poteva e che era nelle sue corde, corde scordate dagli infortuni. Assenze che in campo si sono fatte sentire soltanto dal punto di vista tecnico e delle alternative che coach Ducarello non ha potuto mettere in campo ma per l’impegno e la determinazione della squadra sicuramente no perchè chi ha giocato ha dato l’anima. Dall’altra parte c’era uno “squadrone” in grado di poter rifiatare e pronto a colpire ogni minimo calo di tensione dei granata. La Pallacanestro Trapani ha cercato di rimanere aggrappata all’avversario e c’è anche riuscita. Quando il terzo tempo di gara si è concluso 55-52 per i granata il PalaConad ha pensato all’impresa, al colpo gobbo nei confronti della squadra più forte, perché Scafati ha sempre dimostrato di essere il team più attrezzato per vincere la gara. Ma la Pallacanestro Trapani non poteva reggere i ritmi della gara con un roster così rabberciato per gli infortuni ed ha dovuto fare di necessità virtù mettendo l’attenzione su ogni pallone e la determinazione prima di ogni altra scelta tecnica. Strada obbligata che ha però permesso a Scafati di uscire alla distanza. A 2’45” Renzi porta il Trapani a -3. E’ il simbolo della caparbietà dei granata ma anche l’ultimo squillo della Pallacanestro, che non riesce più a stare in partita perché sente il peso della stanchezza. A fine gara tanti complimenti ai granata ma i punti sono andati a Scafati e domenica prossima ci sarà Siena da affrontare. Dopo Trapani-Scafati rimane l’amaro in bocca di non avere potuto vedere una gara alla pari con tutti gli effettivi in casa granata.