ALCAMO, TENTA DI UCCIDERE LA MOGLIE MA VIENE FERMATO DA UNA POLIZIOTTA

22 Dicembre 2015

Ha accoltellato la moglie dopo l’ennesima discussione. E’ accaduto ad Alcamo in una zona residenziale della città e senza l’intervento della Polizia l’aggressione si sarebbe trasformata in tragedia. V.A. di 48 anni, dipendente pubblico  – nella prima mattinata dello scorso 20 dicembre – ha colpito ripetutamente C.D.L. di 46 anni, procundole ferite gravi in parti vitali. La donna è stata salvata da una poliziotta libera dal sevizio che. chiamata da alcuni condomini,  che avevano sentito urla e grida di aiuto, avviava una difficile trattativa con l’uomo che si era barricato in casa. La poliziotta ha cercato, riuscendovi, a distogliere l’attenzione del marito per poter consentire un intervento per salvare la donna ormai esanime ed in un bagno di sangue. Il marito, pur in presenza della poliziotta, non esitava ancora a colpire la moglie con calci. L’agente è riuscita ad entrare nell’abitazione e si è ritrovata di fronte una scena agghiacciante. La donna era a terra con il viso irriconoscibile perché ricoperto di sangue. Nel frattempo sono arrivati altri poliziotti che hanno faticato non poco a costringere V.A. ad arrendersi ed a consegnare l’arma del tentato omicidio. E’ stato necessario un corpo a corpo per neutralizzare l’uomo e poi immobilizzarlo. La donna, seppure ferita gravemente, parlava del marito ed arricchiva l’indagine in corso di ulteriori particolari significativi. Scattava così l’arresto dell’uomo. Gli investigatori erano nelle condizioni anche di definire il movente. Il marito era geloso di sua moglie, alla quale addebitava dei presunti tradimenti. L’uomo è stato portato prima all’ospesdale di Alcamo e poi in quello di Trapani, tratto in arresto e piantonato. V.A. è infine finito in carvere.

 

.

Notizie Correlate