VERTENZA USTICA LINES, FAZIO: “LA REGIONE DENUNCIA LA SUA STESSA INCAPACITA'”

Facebook

5 Dicembre 2015

La Regione ha annullato il bando per i collegamenti con le Isole Egadi ed Eolie denunciando se stessa. E’ il dato che ha voluto sottolineare il deputato regionale Mimmo Fazio: “L’Assessorato ai Trasporti afferma di avere ravvisato nel bando, scritto dai suoi uffici nel febbraio 2014, <<vizi di merito e di legittimità nella procedura di gara per violazione dei principi di trasparenza, obiettività, efficienza ed economicità>>,  definendolo letteralmente <<macroscopico errore>> e, quindi, implicitamente pronunciando una ammissione di responsabilità, di incapacità e di inefficienza, per altro senza che alcun rilievo sia stato mai mosso alla società Ustica Lines, la cui unica colpa è quella di aver partecipato alla gara e di averla vinta”. Per Fazio non ci sono dubbi sulla vicenda: “L’annullamento del bando e delle procedure di gara per l’affidamento dei servizi di trasporto marittimo da e per le isole Egadi ed Eolie restituisce pienamente il senso di inadeguatezza ed approssimazione con il quale questo governo regionale e qualche burocrate, gestiscono la Sicilia mortificandone gli abitanti, deludendone aspettative, tradendone aspirazioni, sconfessando impegni presi persino sulla base di contratti”. Fazio ricorda che il contenzioso Ustica Lines-Regione è datato perché è cominciato la scorsa estate a causa delle gravi inadempienze contrattuali da parte della Regione che non pagava quanto dovuto.

L’agenda della crisi
1) Il bando di affidamento del servizio risale al febbraio 2014 ed entrambi i lotti – Egadi ed Eolie – avevano durata dal 1 aprile 2014 al 31 dicembre 2015,
2) L’aggiudicazione provvisoria è del marzo 2014 con affidamento in prosecuzione del servizio.
3) L’aggiudicazione definitiva è del luglio 2014 verificate in capo alla Ustica Lines le capacità economico-finanziarie e tecnico-organizzative previste dal bando.

4) l’avvio del procedimento di annullamento è del 30 marzo 2015 e giunge a conclusione ben otto mesi dopo, a 25 giorni dalla scadenza naturale del contratto fissato al 31 dicembre 2015.

Non c’è il bando 2016

L’onorevole attacca duramente la Regione: “L’assurdo, anche volendo accogliere la possibilità di un annullamento contrattuale a 25 giorni dalla scadenza naturale, è che nel frattempo non risulta che siano stati predisposti i bandi di gara per poter aggiudicare il servizio a partire dal 1 gennaio 2016 e che probabilmente, in violazione delle norme recentemente approvate che prevedono un contratto minimo di 5 anni, si tenterà di procedere con il solito stillicidio di affidamenti temporanei”. Da qui la denuncia politica del parlamentare del gruppo misto:  “La Regione, senza minimamente preoccuparsene, sta violando il diritto alla mobilità degli isolani, provocherà danni alla economia turistica delle isole in prossimità delle feste di natale e di fine anno, metterà l’Ustica Lines in condizione di avviare le procedure di licenziamento del personale”.Ed ancora: “Mi auguro che chi ha adottato il provvedimento sia chiamato a rispondere della interruzione dei collegamenti in tutte le sedi competenti. Per quel che mi riguarda intendo denunciare quanto accaduto alla Corte dei Conti e chiederò una seduta della IV commissione perché prenda in esame le circostanze che hanno portato a questa grave situazione».

Notizie Correlate