TRAPANI NONA FORZA DEL CAMPIONATO. BATTUTO L’AVELLINO

5 Dicembre 2015

TRAPANI-AVELLINO 2-1

TRAPANI: Nicolas, Fazio, Perticone, Scognamiglio, Rizzato, Raffaello, Scozzarella (42’st Cavagna), Eramo, Coronado, Citro (46’st Terlizzi), Montalto (13’st Nadarevic). A disposizione: Fulignati, Pagliarulo, Pastore, Accardi, Torregrossa, Sparacello. All. Serse Cosmi

AVELLINO: Frattali, Gavazzi (16’st Soumare), D’Angelo, Castaldo, Zito (1’st Giron), Petricciuolo, Nitriansky, Jidayi, Bastien, Chiosa, Trotta (26’st D’Attilio). A disposizione: Bianco, Offredi, Tavano, Mokulu, Insigne, Napol. All. Attilio Tesser

Arbitro: Riccardo Pinzani di Empoli

Assisteti: Alessio Tolfo di Pordenone ed Emanuele Prenna di Molfetta

RETI: Coronado 39′, D’Angelo 23’st, Citro 30’st

Note: Ammoniti Coronado nel Trapani – Petricciuolo, Zito, Jidayi nell’Avellino; Espulso Petricciuolo (A) al 34′; Frattali para rigore a Montalto (T) al 35′; Recuperi: 1’pt-4’st; Corner: 7-1; Spettatori: 4.556

Il Trapani ha sofferto fino al 3′ di recupero del secondo tempo una partita che avrebbe potuto vincere largamente. Non è riuscito a chiudere la partita e per un errore difensivo aveva anche consegnato il pareggio all’Avellino che dal 33′ del primo tempo era in inferiorità numerica per l’espulsione di Petrucciolo. Doppia ammonizione dopo un fallo su Montalto che si è procurato il calcio di rigore che poteva mettere i granata un passo avanti. Ma Montalto non è riuscito a superare Frattali che si è buttato sulle sua sinistra ed ha smanacciato la palla lontana dalla sua porta. Il Trapani ha merito la vittoria fin dai primi minuti di gara. Al 3′ ancora Montalto si è trovato con la palla del vantaggio ma il suo destro è uscito di poco anche se era a tu per tu con il portiere dell’Avellino. I “lupi” non sono mai stati pericolosi. In avanti Castaldo, al rientro dopo un lungo infortunio ha giocato di mestiere. Mister Cosmi è tornato al suo 4.3-2-1 esprimendo un buon calcio per tutta la partita. Quasi un fuoco di fila contro la porta di Frattali. Al 13′ una bella girata di Citro fa gridare al gol ma Frattali è attento e para. Al 22′ un cross di Coronado per Scognamiglio in area di rigore ma il difensore ha mandato la palla sopra la traversa. Poi ancora Citro al 22′ ha provato con un gran sinistro. Avellino sempre in apnea e Trapani pronto a ripartire. Scozzarella ci prova dalla distanza al 28′. Al 30′ i granata chiedono il calcio di rigore. Eramo tira nella mischia un difensore dell’Avellino avrebbe toccato la palla con la mano. E’ soltanto una questione di minuti. Il rigore arriva al 33′ ma Montalto lo spreca. Il Trapani accusa il colpo ma si lancia subito all’attacco ed al 39′ arriva il gol di Coronado. Ci mette tanto di suo Citro che devia un rilancio del portiere, ruba palla entra in area di rigore e con un pallonetto di alta classe mette la palla sulla testa dell’accorrente Coronado che non deve far altro che depositare la palla in rete. Il Provinciale esplode perché è il gol della liberazione dopo una pressione costante della squadra di Cosmi che prova a sfruttare negli ultimi minuti del primo tempo anche la superiorità numerica. Nel secondo tempo l’Avellino sostituisce Zito con Giron perché mister Tesser ha compreso che oggi non era giornata per l’esterno sinistro della sua squadra. Zito ha sbagliato tantissimo e si era fatto anche ammonire. Era nervoso e quindi a rischio epulsione. Il secondo tempo è andato avanti come il primo con i granata alla ricerca del gol per chiudere la partita e l’Avellino che provava ad uscire con qualche contropiede gestito dalla capacità di Cataldo di fare salire la squadra. Cosmi provava a cambiare in attacco mettendo Nadarevic al posto di Montalto. Ma al 23′ accaedeva l’imprevedibile. Fazio invece di appoggiare la palla a Perticone a poca distanza s’intestardiva a tenerla sulla sua trequarti. La perdeva e commetteva anche fallo. Punizione per l’Avellino, cross in area e colpo di testa di capitan D’Angelo. L’Avellino raggiungeve l’1-1 ed il Provinciale si ammutoliva. Un gol – arrivato al 23′ del secondo tempo – che avrebbe tagliato le gambe a chiunque. Ma il Trapani non ha mai smesso di credere nella vittoria ed al 30′ è arrivato il gol di Citro che ha raccolto una palla vagante in area di rigore dopo un’azione personale di Nadarevic dalla destra e dopo il mancato intervento di Scognamiglio. Sinistro dell’attaccante granata sotto la traversa e grande sospiro di sollievo per il pubblico granata. Poi spazio per Cavagna al posto di Scozzarelle e gloria anche per Terlizzi al posto di Citro, applauditissimo all’uscita del campo. Citro che è però tornato in lacrime negli spogliatoi per la notizia della morte di un suo familiare. Il Trapani ha giocato una buona gara. Continua a non avere la necessaria cattiveria sotto porta che serve per chiudere le partite e non ritrovarsi nei guai al primo errore che l’avversario riesce a sfruttare. La squadra di Cosmi sta tuttavia crescendo lentamente. I progressi sono visiblili. Sta anche cominciando a recuperare gli infortunati, in panchina c’era Torregrossa ed ora può affrontare la doppia trasferta Cesena e Novara con maggiore serenità perchè da stasera si trova nei piani alti della classifica.

Sedicesima giornata di serie B – andata

Entella Brescia 0-0 (ieri)

Perugia-Modena 1-0 (ieri)

Trapani-Avellino 2-1

Crotone-Cesena 2-0

Latina-Livorno 3-1

Pescara-Spezia 2-2

Pro Vercelli-Ternana 1-2

Bari-Ascoli 3-0

Novara-Lanciano 4-1

Vicenza-Salernitana domani (ore 15)

Cagliari-Como domani (ore 17,30)

CLASSIFICA: Crotone 34 punti, Cagliari, Bari 32, Novara 28, Cesena 27, Pescara 25, Perugia, Brescia 24, Trapani 23, Entella 22, Livorno 21, Latina, Pro Vercelli 20, Vicenza, Ternana 19, Spezia 18, Avellino 16, Salernitana, Modena 15, Lanciano, Ascoli 14, Como 9.

Notizie Correlate