MAFIA, SEQUESTRATI 13 MILIONI DI EURO DI BENI

4 Dicembre 2015

Lo scorso 3 agosto li hanno privati della libertà personale arrestandoli, ora gli hanno tolto i beni. In totale 13 milioni di euro in beni mobili, immobili ed aziende a Mazara del Vallo, Castelvetrano, Salemi, Partanna, Santa Ninfa e Trapani. I beni sequestrati sono riconducibili a Vito Gondola, 77 anni, allevatore, considerato il presunto capomafia di Mazara del Vallo, Michele Gucciardi, 62 anni, il presunto boss di Salemi, Domenico Scimonelli, 48 anni, imprenditore, considerato l’ufficiale di collegamento tra il superlatitante Matteo Messina Denaro e gli ambienti economici a qualsiasi livello, e Pietro Giambalvo, 77 anni, allevatore di Santa Ninfa. Si tratta di un  altro duro colpo alla latitanza di Messina Denaro. Il procuratore aggiunto di Palermo Teresa Principato ed i sostituti Paolo Guido e Carlo Marzella stanno tentando di stringere il cerchio attorno al latitante castelvetranese. L’azione della magistratura e delle forze dell’ordine si muove ormai su due lineee parallele. Da un lato l’attacco sul territorio ai fiancheggiatori, a chi bonifica le zone di permanenza del superlatitante, dall’altra un fronte aperto per bloccare le risorse economiche che servono per tenere salva la latitanza.

Il Video dell’operazione

https://dl.dropboxusercontent.com/u/98833199/ermes2.mpg

Notizie Correlate