CAPITANERIA-UFFICIO DOGANE: ACCORDO SULLE VERIFICHE A BORDO PER IL CARBURANTE

Facebook

3 Dicembre 2015

Un protocollo d’intesa tra la Capitaneria di Porto di Trapani e l’ufficio dogane. Ci sono e firme del capitano di vascello e comandante del Porto Giuseppe Guccione e del direttore dell’ufficio dogane Gaspare Rappa sul documento che sancisce l’intesa per lo svolgimento di una serie di controlli direttamente a bordo delle navi per la verifica della percentuale di zolfo nei carburanti ad uso marittimo. E’ un protocollo d’intesa che prende in considerazione le norme nazionali ed europee sempre più attente alla tutela dell’ambiente e del territorio. I gas di scarico delle navi, nel caso di carburanti con una percentuale di zolfo al di sopra dei limiti consentiti, potrebbero essere causa d’inquinamento atmosferico. Chi supera i limiti consentiti rischia una sanzione che va sa 15.000 fino a 150.000 euro. Prevista anche la sospensione, da un mese a 2 anni, del titolo professionale marittimo del comandante della nave e l’inibizione dell’accesso ai porti italiani per il comandante o per le navi dell’armatore che ha commesso ripetutamente l’infrazione.

 

 

 

Notizie Correlate