IL RICORDO DI ROALD VENTO: “CIAO ENRICO…”

2 Novembre 2015

Ciao Enrico,
la morte, quest’orribile mostro che gira eternamente sulle nostre teste, sapendo di poterci un giorno possedere, è riuscita ad avere ragione della Tua resistenza, del Tuo coraggio, del Tuo tentativo di convincerla che la sua sarebbe risultata nient’altro che un’inutile attesa.

Ma lei, come purtroppo sempre avviene, alla fine vince su tutti, sui buoni e sui cattivi, riuscendo tuttavia ad infierire sui primi, più di quanto non sappia fare con chi, in questa maledetta società dell’apparire, del denaro e del potere, riesce a lungo a farla franca.

Così, mentre oggi tutti i Tuoi amici si recavano al Cimitero per onorare la memoria dei loro cari, tu eri alle prese con quel mostro che ormai ti aveva posseduto e che aspettava solo di darti il fatale colpo di grazia.

Ma domani, al camposanto ci ritorneranno tutti; sarà un altro “giorno dei morti”, un giorno in cui con una mestizia diversa accompagneranno alla sua ultima dimora un Amico leale, forte, coraggioso, orgoglioso; incapace di quei compromessi con se stesso e con gli altri che gli avrebbero aperto le porte della politica, consegnandogli le chiavi della Città.

Ciao Enrico,
la notizia della tua scomparsa è stata per me un uppercut al mento che mi ha stordito, lasciandomi per qualche minuto in balia di un’estasi incontrollata, con le immagini di un’amicizia incontaminata che come in un bel film scorrevano dolcemente nel mio cuore.

Roald Lilli Vento

Notizie Correlate