TRAPANI, UN GIOVANE SU DUE E’ SENZA LAVORO. LE PROPOSTE DI CGIL, CISL ED UIL

31 Ottobre 2015

Oltre il 50 per cento dei giovani della provincia è senza lavoro.  Sono dati allarmanti quelli diffusi oggi da Cgil, Cisl ed Uil nel corso della mobilitazione regionale indetta dalle tre organizzazioni sindacali per chiedere “Lavoro, legalità, sviluppo”. Tante le testimonianze, che si sono alternate sul palco del teatro Ariston,  dai lavoratori dei settori più in crisi, come l’edilizia, i trasporti, i precari della Pubblica amministrazione, il commercio, l’agroalimentare, ai pensionati. I segretari di Cgil, Cisl e Uil Trapani Filippo Cutrona, Salvo Morabito ed Eugenio Tumbarello hanno lanciato l’allarme per la situazione di stallo economico in cui versa la provincia e illustrato le proposte per rilanciare lavoro, contrastare la disoccupazione, dare impulso ai settori produttivi del Trapanese e affermare la legalità. “La manifestazione odierna – afferma Tumbarello – non vuole essere soltanto un momento di protesta per quello che non funziona in Sicilia, ma intende porsi soprattutto come un momento di proposta. Chiediamo al Governo Regionale di affrontare con serietà ogni criticità di questa Terra, e intendiamo farlo rivolgendoci ai deputati di questa provincia che per esperienza conoscono il territorio e che hanno il dovere di tutelarlo. E’ il momento di cambiare rotta, se questo Governo non è all’altezza passi la mano”. I dati occupazionali illustrati durante la mattinata confermano la desertificazione vissuta dal territorio. Nell’ultimo anno le imprese si sono ridotte dell’11,4 per cento. Dal quadro emerge, inoltre, una situazione preoccupante per i pensionati. Circa 30 mila vivono con la pensione minima di sole 500 euro. “La carenza infrastrutturale, con gli attesi interventi del porto, e i collegamenti fra aeroporti, la rete ferroviaria da rilanciare, non può di certo sostenere quella esigenza di sviluppo del turismo del quale la città dovrebbe vivere, troppi i settori in crisi, scarse le politiche sociali – afferma il segretario generale della Cisl Palermo Trapani Daniela De Luca – bisogna dare la scossa ad una politica che a tutti i livelli sembra del tutto avviluppata nei propri interessi e negli equilibri interni per rendersi conto che le nostre città sono allo stremo”. Tra le proposte per uscire dall’empasse e garantire sviluppo nel trapanese: un piano integrato per il commercio e il turismo, un piano straordinario per le infrastrutture, il rilancio della cantieristica navale, dell’agricoltura e del territorio e la contrattazione sociale a tutela dei lavoratori, dei pensionati, dei disoccupati e dei migranti, lo sblocco dei cantieri edili, soluzione per il precariato pubblico, salvaguardia dei diritti alla salute, studio, accoglienza e mobilità. “In un territorio fortemente permeato dalla presenza della mafia – dice Cutrona – è necessario affermare costantemente il valore della legalità. In provincia di Trapani il malaffare continua a frapporsi allo sviluppo del territorio soffocando le realtà produttive sane e creando disoccupazione e povertà. Trapani è uno dei territori con il maggior numero di imprese sequestrate e confiscate alla mafia ma occorre dare un segnale forte affinché esse continuino a essere produttive e a garantire lavoro. Al Governo regionale chiediamo una volta per tutte di governare”.


 

 

Notizie Correlate