RIZZI CHIEDE AL SINDACO DAMIANO DI DIMETTERSI

20 Ottobre 2015

“Per amore della città di Trapani, dei suoi concittadini e per onestà intellettuale rassegni le sue dimissioni. Senza se, senza ma e senza aspettare assolutamente il voto in aula”. È questo l’appello lanciato al sindaco Vito Damiano da Enrico Rizzi, capo della segreteria del Partito Animalista Europeo, alla vigilia della votazione della mozione di sfiducia. Rizzi boccia senza appello l’amministrazione comunale che, a suo dire, in questi anni ha mostrato totale disinteresse per la tutela degli animali. Damiano, denuncia il capo della segreteria del Partito Animalista, non si è mai premurato di attivare l’Ufficio Diritti Animali richiesto da più di mille cittadini con una apposita raccolta firme.  Per non parlare infine del nuovo canile intercomunale, i cui lavori sono bloccati per il mancato pagamento. E se Damiano non vorrà dimettersi, Rizzi è certo che ci penseranno i consiglieri comunali a mandarlo a casa. “Faccio un appello ai consiglieri comunali affinchè con senso civico e di grossa responsabilità giovedì sfiducino il sindaco Vito Damiano. Tale coraggioso gesto, visto che si rinuncerà ad uno stipendio di mille ed ottocento per i prossimi diciotto mesi e cioè fino alla scadenza del naturale mandato verrà sicuramente ripagato dal consenso che otterranno dai concittadini che apprezzeranno l’azione portata a termine per amore della nostra città. I nomi di coloro che voteranno eventualmente la fiducia a Damiano saranno ricordati da tutti come i soggetti che hanno portato al totale degrado la città di Trapani. Voglio annunciare – conclude Rizzi –  che il Partito Animalista Europeo sarà l’ago della bilancia per le prossime amministrative”.

 

Notizie Correlate