TRAPANI, LA MOZIONE DI SFIDUCIA AL VAGLIO DI PD E PSI

Facebook

16 Ottobre 2015

Incontro al vertice per Pd e Psi. Lunedì prossimi i dirigenti dei due partiti – segretari provinciali e comunali e forse anche i deputati regionali – si confronteranno sulla mozione di sfiducia contro il sindaco Vito Damiano che sarà discussa giovedì prossimo. Il consiglio è stato convocato alle 10,30. Pd e Psi sono legati da un patto federativo e dovrebbero presentarsi in aula con una linea unitaria, ma all’interno del Partito Democratico continua ad esserci un dibattito sempre più acceso. C’è chi, come il segrerario cittadino Francesco Brillante – sulla stessa lunghezza d’onda il capogruppo Enzo Abbruscato ed il consigliere Nino Grignano – sarebbe pronto a votare la mozione già presentata che porta il “marchio” politico del gruppo consiliare dell’onorevole Mimmo Fazio, di Forza Italia e dei “Ricostruttori” di Francesco Salone, oltre che dell’adesione di Tiziana Carpitella e Peppe Marino. Ma c’è anche chi, all’interno del Pd, in particolare la componente dei “Giovani Turchi”, ed Ds, e l’onorevole Paolo Ruggirello che invece puntano ad una nuova mozione di sfiducia da condividere con gli alleati di centrosinistra e da proporre ad una parte degli attuali firmatari di quella in discussione il 22. L’attenzione è rivolta a Fazio ed in seconda battuta anche a Salone, con l’esclusione invece di Forza Italia. Il Pd sarebbe unito soltanto su un punto, un no secco ad una partecipazione alla giunta di responsabilità pubblica proposta dal sindaco Vito Damiano. Un no arrivato negli ultimi giorni e che non cancella le trattative aperte tra il primo cittadino e l’onorevole Ruggirello per costituire una coalizione anti-mozione.

Notizie Correlate