TRAPANI, CINQUE ESPONENTI PD: “CANDIDIAMO ABBRUSCATO ALLE PRIMARIE ED A SINDACO”

Facebook

24 Settembre 2015

Nel Pd di Trapani c’è chi pensa al dopo Damiano. A scanso di equivoci e dopo le firme raccolte sulla mozione di sfiducia contro il primo cittadino viene ribadito il no “a qualunque ipotesi di governi di salute pubblica”. “Il Pd – aggiungono Danilo Orlando, Maria Concetta Serse, Tonino Scauso, Francesco Pinello e Stefano Marchingiglio – deve continuare a svolgere un ruolo di opposizione, senza se e senza ma”. I cinque esponenti del Pd hanno già una soluzione da mettere in campo per il dopo-Damiano. Sono pronti a sostenere una candidatura del capogruppo consiliare Enzo Abbruscato. Gli riconoscono di avere tenuto la barra dritta e di essere stato tra i protagonisti della mozione di sfiducia presentata assieme al Psi ma senza il necessario numero di firme (12) per poter essere formalizzata. Gli riconoscono soprattutto il lavoro svolto in questi anni “su questioni importanti come la Trapani Servizi, il controllo delle partecipate, lo smaltimento dei rifiuti attraverso la raccolta differenziata o la situazione del Luglio Musicale Trapanese, apportando grandi contributi in termini di qualità e quantità”. I cinque del Pd non hanno dubbi: “E’ risultato sempre il più apprezzato all’interno del centrosinistra”. Qualità politiche che Orlando, Serse, Scauso, Pinello e Marchingiglio vorrebbero mettere al servizio del partito con una candidatura di Abbruscato alle primarie, per essere il candidato sindaco del Pd. E’ una proposta che porranno all’attenzione del diretto interessato invitandolo ad accettarla per dare un nuovo governo al capoluogo. Dopo Dario Safina, componente della segreteria regionale, pronto a fare la sua parte ed a candidarsi a sindaco, attraverso le primarie, ora arriva una nuova candidatura in casa Pd che però deve ancora trovare la condivisione dello stesso Abbruscato, che ha chiesto le primarie anche nel 2012.

Notizie Correlate