SALONE: “DOMANI PORTO LA SFIDUCIA IN AULA. VEDIAMO CHI E’ PRONTO A FIRMARE CONTRO DAMIANO”

23 Settembre 2015

“Domani chiederò ai consiglieri comunali di firmare la mozione di sfiducia al sindaco Damiano. Intendo stanare quanti giocano a rimpiattino con l’opinione pubblica, da un lato criticano il sindaco, dall’altro mantengono posizioni di comodo, anche con sottogoverni”. Il consigliere Francesco Salone – forzista “dissidente” – non poteva essere più chiaro. Si presenterà domani in aula con il testa della mozione di sfiducia che aveva firmato e presentato assieme al gruppo di Uniti per il Futuro dell’onorevole Mimmo Fazio e sottoporrà il testo all’attenzione dei suoi colleghi: “Vedremo quanti saranno disposti a firmarla e così si potrà fare chiarezza una volta per tutte”. Salone non ha dubbi: ” Non credo possano esserci più tentennamenti e distinguo. Gli ultimi fatti amministrativi ci impongono il tentativo di mandare a casa questo sindaco. Io, l’ho detto fin da subito, sono disposto a firmare qualsiasi mozione purché Damiano lasci l’incarico. Voglio vedere domani se i miei colleghi, a
parte coloro che già hanno firmato la mozione, saranno coerenti con le dichiarazioni rilasciate”. Da qui il nuovo contenzioso politico all’interno del centrodestra e dell’area berlusconiana: “Mi riferisco in particolare ai colleghi di Forza Italia, indicati dal sindaco come disponibili alla collaborazione”. Il consigliere rimanda alle recenti dichiarazioni in aula del sindaco rivolte a Giuseppe Guaiana: “Lo ha ironicamente definito assessore. Se davvero intendono mostrare la loro distanza da Damiano firmino la mozione di sfiducia, qualunque essa sia e chiunque la presenti. Soprattutto gli uomini loro vicini lascino gli incarichi di sottogoverno. Ricordo a Giuseppe Guaiana, che indicò proprio lui l’attuale presidente dell’ATM, alla vigilia del voto sulla TARES”.

Notizie Correlate