SCOPELLO, COPPOLA: “LA VICENDA DELLA TONNARA E’ ANCORA TUTTA APERTA. PRONTI AD UN ACCORDO”

6 Agosto 2015

Non ci sono soltanto le polemiche che stanno accompagnando il recente rimpasto di giunta a rendere davvero “calda” l’estate per il sindaco di Castellammare del Golfo Nicola Coppola. La vicenda dell’ex Tonnara di Sopello e l’accesso al mare, al momento sospeso per un decreto del Tar di Palermo rimane una vertenza aperta e piena d’incognite. Il primo cittadino è tornato a confrontarsi su un nodo ancora tutto da sciogliere e l’ha fatto per fare chiarezza su alcune questioni. Coppola non torna indietro dopo la sospensiva del Tar che dovrà pronunciarsi il prossimo 10 settembre sul ricorso presentato dai privati proprietari dell’ex Tonnara e si dichiara “sereno” di fronte alla notizia di una denuncia alla Procura della Repubblica di un comproprietario del sito al centro di tante polemiche per l’ordinanza che consentiva il libero accesso al mare. “Il decreto – ha sottolineato Coppola – è un atto temporaneo solo cautelare, ancora da confermare o meno e sul quale è prematura qualsiasi discussione. Un provvedimento del tutto provvisorio emesso solo sulla base dell’urgenza prospettata dal signor Foderà ed adottato senza avere il tempo di ascoltare il Comune”. Il sindaco torna a parlare anche della convenzione che potrebbe superare il contenzioso in atto tra l’amministrazione che ritiene che l’accesso al mare debba essere libero ma regolamentato – l’ordinanza prevedeva 200 persone per volta – ed i privati che invece ritengono che l’accesso al mare non possa essere libero perché si tratta di proprietà privata. “La convenzione – ha voluto ribadire Coppola – non è mai stata una imposizione del Comune ma un tentativo di accordo bonario che abbiamo messo in campo su richiesta della Soprintendenza ai Beni Culturali. “Sottolineo – ha stigmatizzato Coppola – che la Soprintendenza, nella sua diffida, ha espressamente escluso che la stessa riguardasse l’occupazione abusiva dell’area demaniale marittima, preoccupandosi, invece, del fatto che l’emissione dell’ordinanza potesse interrompere le trattative esistenti”. Il Comune è comunque sempre pronto a trovare un’intesa. Coppola ci tiene poi a precisare che la richiesta di temporanea sospensione dell’ordinanza formulata dal prefetto è stata accolta proprio con quell’ordinanza che ha impugnato il signor Foderà.  D’altra parte è stata proprio la proprietà della ex Tonnara a non accogliere tale richiesta, notificando proprio in quei giorni un primo ricorso al Tar. Proprio il prefetto, inoltre, ha dato atto della completa disponibilità del Comune ad un accordo bonario mediante anche una propria proposta, a differenza della proprietà che nulla di favorevole ha mai mostrato in tal senso”.

Notizie Correlate